Subiaco, Lettera aperta ai sindaci della Valle dell’Aniene per il cancella mento dei letti di terapia intensiva

Lettera aperta inviata ai sindaci della Valle dell'Aniene da parte dell'associazione per la tutela della salute e dei diritti del malato "Antonio Lollobrigida".

Ass. Lollobrigida

Lettera aperta inviata ai sindaci della Valle dell'Aniene da parte dell'associazione per la tutela della salute e dei diritti del malato "Antonio Lollobrigida".

Una missiva inviata dopo il decreto n° 222 pubblicato ieri dalla Regione, con il quale è stato cancellato "il mantenimento dei letti di terapia intensiva" all'ospedale di Subiaco per "errata corrige".

L'Associazione, che aveva protestato per la mancata applicazione di quel "mantenimento", affermato in ben 3 decreti mai corretti in oltre un anno (il primo risale al maggio 2016), aveva chiesto il ripristino del reparto di Terapia intensiva, chiuso nel maggio 2015, e ieri ha presentato formale denuncia-querela alla Procura della Repubblica di Roma (ed ha deliberato la presentazione di un ricorso straordinario al presidente della Repubblica contro il Decreto n° 222)

LA REGIONE CI DA’ RAGIONE MA,INVECE DI APPLICARE I 3 DECRETI, LI CANCELLA (E I SINDACI TACCIONO)

Egregi sindaci, assessori e consiglieri comunali della Valle dell’Aniene,

Vi scriviamo per informarvi che questa Associazione ha presentato una formale querela alla Procura della Repubblica per denunciare un“mantenimento dei letti di terapia intensiva” mai mantenuto dalla Regione, a dispetto di quanto affermato per ben 3 volte (Pagina 95 Decreto n.U00190 del 26/05/2016 - Pagina 101 Decreto n.U00314 del 12/10/2016 e Pagina 101 Allegato 1.R del 4/05/2017).Attiinapplicati dalla Regione, che invece chiuseil Reparto di Terapia Intensivanel Maggio 2015.

Il 17 maggio scorso l’Associazione aveva segnalato il caso insieme al cronista del quotidiano “Il Tempo”, contro cui il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, ha poi inveito nel silenzio assordante dei sindaci presenti all’inaugurazione del rinnovato reparto di Chirurgia (con soli 3 chirurghi in organico e carente anche di infermieri).

Ma la questione era talmente fondata che il presidente Zingaretti si è poi dovuto affrettare a convocarci in Regione il 31 maggio, cercando di minimizzare a semplice “refuso” quella che è, al contrario, l’inadempienza del dettato di 3 successivi decreti, emanati e mai corretti a distanza di oltre un anno. Il caso è poi approdato in Senato e in Consiglio Regionale, con ben 3 interrogazioni, mentre i Consigli comunali della Valle dell’Aniene hanno continuato a tacere…

Il 13 Giugno, rispondendo in Consiglio Regionale ad una delle interrogazioni, l’assessore Michele Civita ha affermato che Per ciò che concerne la dicitura “letti di terapia intensiva”, si tratta di un evidente refuso, che sta per essere rimosso con un decreto di errata corrige.

Nel Decreto (n. U00222), pubblicato sul Bur del 29/06/2017, la Regione ha scritto che è “da intendersi che nel PO di Subiaco si ha il “mantenimento delle funzioni di Pronto Soccorso” rilevandosi una errata corrige nel riportare la presenza di letti di terapia intensiva che, ai sensi del DM 70/2015 e del DCA U00412 del 26/11/2014 non sono previsti per il Presidio di Subiaco in quanto Presidio di zona particolarmente disagiata”.

La Regione, dunque, ci dà ragione, a differenza del gruppo consiliare del sindaco di Subiaco, che aveva scritto di “provocazioni ormai vecchie e ancora legate a informazioni ormai sorpassate”. Talmente “sorpassate” che la Regione ha dovuto fare un nuovo decreto per cancellarle: “Insieme per Subiaco”ora porgale dovute scusesia all’Associazione che al resto della cittadinanza.

Peròora la Regione, invece d’applicare finalmente i 3 decreti (come aveva chiesto l’Associazione: ossia dar seguito, sia pur in ritardo di 2 anni, a quel “mantenimento deiletti di Terapia intensiva”), ha preferito cancellarlicon il colpo di spugna del decreto dell’errata corrige, contro cui l’Associazione ha oggi deliberato la presentazione di un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica.

Perché questo Decreto della Regione equivale ad unasorta di menefreghista scrollata di spallerivolta a tutti i Comuni della Valle dell’Aniene, cheperò tacciono.

I sindaci, infatti, non hanno neanche provato adesigere l’applicazionedi quella frase di senso compiuto riportata in ben 3 decreti ufficiali.Nei quali, indicando che “Il PO di Subiaco si configura come Presidio Ospedaliero in zona particolarmente disagiata”, la Regione aveva affermato come fosse proprio l’attribuzione di questo “status che comporta il mantenimento delle funzioni di Pronto Soccorso e dei letti di terapia intensiva”, come richiesto da diversianni.

I Comuni, che ora sono silenti, sono gli stessi che nel 2012così deliberarono:“I Sindaci della Valle dell’Aniene chiedono alla Regione e al Direttore Generale della ASL RM/G di rivedere questa decisione e di mantenere il reparto di rianimazione. La soluzione che propongono è quella di trovare le risorse nel quadro complessivo del costo generale, secondo le previsioni dell’atto aziendale e del relativo piano di rientro, o dando la disponibilità a reperire le economie necessarie senza gravare né sulla Regione, né sull’azienda sanitaria”.

Invece, 5 anni dopo, nonostante la nostra denunciacontro il falso “mantenimento dei letti di terapia intensiva”, affermato dalla Regione in 3 decreti rimastiinapplicati,restano in silenzio (così come sull’elisuperficie, la cui attivazione, secondo il Decreto 368, era prevista “entro il 31/12/2015”).

Il 27/04/2016 Regione, Asl e Comune di Subiaco annunciarono “il rinnovo del Pronto Soccorso e dell'Area dell'Emergenza, con la realizzazione di 2 posti di sala rossa per l'attività di rianimazione”.Un modo implicito col quale si è finito per ammettere ciò che è stato negato dai tagli inferti con il Decreto 368 del 2014, ossia l’esigenza di quella “attività di rianimazione”,lasciata finora scoperta nell’attuale configurazione dell’Ospedale(anche se non sarà mai comel’apposito reparto di Terapia Intensiva-Rianimazione, trasferito insensatamente a Colleferro). Mail cantiere, che doveva “partire dal 1 ottobre 2016”, 9 mesi dopo ancora non arriva (come i “5 anestesistiper rafforzare l'attività chirurgica e l'emergenza urgenza”, annunciati il 27/04/2016).

Egregi sindaci, assessori e consiglieri comunali della Valle dell’Aniene, non abdicate al vostro dovere istituzionale e unitevi alla nostra denuncia in difesa di strutture salva-vita come la Terapia Intensivae l’Elisuperficie,varando formali deliberazioni che pretendanol’intervento delle competenti autorità. E chiedendo anchel’assegnazione all’ospedale di Subiaco della stessa dotazione concessa dalla Regione a quello di Bracciano col Decreto U00197: 57 posti letto di cui 25 ordinari di area chirurgica, 2 di terapia intensiva post-chirurgica, 4 posti tecnici di Osservazione Breve Intensiva, con la conseguente riacquisizione della classificazione di “ospedale sede di Pronto Soccorso”.

01/07/2017 E-mail:associazione.lollobrigida@gmail.com – Facebook: Associazione Antonio Lollobrigida

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Cassino, bruciano le auto di un imprenditore: l'incendio è doloso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento