menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Monte livata ritrovamento bambini tornabuoni

Monte livata ritrovamento bambini tornabuoni

Subiaco, ritrovati in buone condizioni i due bambini lasciati in una grotta a Campo dell'Osso per tutta la notte. I complimenti di Zingaretti e del Sindaco Pelliccia

I due bambini, di 4 e 5 anni, erano in compagnia della mamma di uno di loro, nei boschi del monte Livata: si erano persi durante una passeggiata nel pomeriggio dell'ultimo dell'anno. Hanno trascorso la notte fuori. La donna, la 36enne Alexia...

I due bambini, di 4 e 5 anni, erano in compagnia della mamma di uno di loro, nei boschi del monte Livata: si erano persi durante una passeggiata nel pomeriggio dell'ultimo dell'anno. Hanno trascorso la notte fuori. La donna, la 36enne Alexia Canestrari ritrovata poche ore prima dei piccoli in stato confusionale.

I due, un maschio di 4 anni e femmina di 5, dispersi da ieri, sono stati ritrovati vivi, in località Acqua del Piccione o meglio fonte delle vaglie. I piccoli erano in una zona impervia di Campo dell'Osso. A rintracciarli, poco dopo le 11, è stata una squadra interforze di ricerca a cui hanno partecipato ottanta uomini tra carabinieri, Soccorso Alpino, Corpo Forestale dello Stato, vigili del fuoco e guardia di Finanza.

Entrambi stanno in discrete condizioni. Uno avrebbe una sospetta frattura a un braccio ed entrambi una lieve ipotermia per la notte passata al gelo, con punte di temperature che hanno raggiunto i -7 gradi.

I Carabinieri di Subiaco e del Nucleo Investigativo di Frascati ora cercano di fare chiarezza sulla vicenda che questa notte aveva gia visto il ritrovamento della madre di uno dei due, che al momento della scomparsa era con i piccoli. La donna, 36 anni, era stata rintracciata mentre vagava in stato confusionale nella zona e, secondo una prima rcostruzione, avrebbe detto di essersi smarrita e di avere cercato aiuto, dopo aver lasciato i due bambini al riparo nei pressi di una grotta. A dare l'allarme ieri era stato il marito della donna, Emanuele Tornaboni, che è il padre di uno dei bambini, quello di 5 anni, mentre il più piccolo, è figlio della 36enne e di un altro uomo.

Tornaboni, proprietario assieme al fratello Pietro di un noto circolo sportivo della Capitale, il "Due Ponti", aveva dato l'allarme dopo non aver visto rincasare la donna e i bambini. Oggi verso l'ora di pranzo l'uomo sentito ai microfoni di sky Tg 24 si è detto molto sollevato dell'esito della ricerca che è durata tutta la notte ed a ringraziato tutti coloro che sono intervenuti.

Il Comune di Vallepietra con il vice sindaco Tranquillo Graziosi e l'Assessore Flavio De Santis coadiuvati dai vallepietrani Eugenio De Santis, Silvano De Santis, Claudio De Carolis e Guglielmo De Santis, si sono attivati nell'immediato per dare il giusto apporto alle varie forze in campo, in particolare con la stazione Carabinieri di Vallepietra, costituendo un performante gruppo di lavoro.

L'indispensabile conoscenza dei luoghi montani ha fatto la differenza per la ricostruzione della vicenda, perché grazie alle frammentate notizie che arrivavano dalla donna (ricoverata in un ospedale di Roma), ritrovata verso le ore 05.30 del mattina in stato confusionale con un principio di congelamento, sono bastate per gli esperti vallepietrani, conoscitori del territorio ad individuare l'esatta zona da fare oggetto della ricerca.

Il ritrovamento è avvenuto verso le ore 11.30 odierne presso la località "fonte delle vaglie" confusa con "Acqua dei piccioni", entrambe località montane site nel Comune di Vallepietra (RM) e specificatamente nella contrada "fosso dei moralli" quest'ultima confinante con la nota località sciistica sublacense.

Le profuse attività di ricerca si sono svolte interamente nel Comune di Vallepietra, i minori una volta trovati, infreddoliti, ma sostanzialmente in discrete condizioni, sono stati assicurati ai sanitari dell'ARES 118 a bordo dell'eliambulanza "Pegaso"e trasportati successivamente presso l'ospedale Gemelli di Roma.

Fonte ADN Kronos (in foto uno dei bimbi ritrovati)

MONTE LIVATA; REGIONE LAZIO: OLTRE 50 MEZZI PROTEZIONE CIVILE PER RITROVAMENTO DONNA E DUE BAMBINI

"La sala operativa della Protezione civile della Regione Lazio ha collaborato fin dalle prime ore, in maniera fattiva, insieme al Soccorso Alpino del Lazio, ai carabinieri, ai vigili del fuoco, al Corpo forestale dello Stato e ai Guardiaparco, alle operazioni di ritrovamento della donna dispersa sul monte Livata e dei due bambini che erano con lei. In particolare, si sono adoperate 37 associazioni di protezione civile, di cui tre di unità cinofile, con oltre 50 mezzi e 130 circa tra uomini e donne. E' stato inoltre messo a disposizione l'elicottero regionale di protezione civile". E' quanto si legge in una nota della Regione Lazio

MONTE LIVATA: ZINGARETTI, COMPLIMENTI A PROTEZIONE CIVILE REGIONALE PER RITROVAMENTO BIMBI

"Complimenti alla Protezione civile della Regione Lazio e agli altri soccorritori per il ritrovamento dei due bambini dispersi sul Monte Livata. La prima bella notizia del 2014". Lo dichiara in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

I RINGRAZIAMENTI DEL COMUNE DI SUBIACO

Il Comune di Subiaco, in merito al ritrovamento della donna e dei due bambini scomparsi nella giornata di ieri, esprime le più sincere congratulazioni a tutte le forze impiegate nelle operazioni di ricerca, esprimendogli la commossa gratitudine di tutta la comunità di Subiaco.

Con professionalità, dedizione, competenza e spirito di solidarietà hanno scongiurato un evento tragico e data dimostrazione di come la comunità di Subiaco e tutto il sistema Paese è capace nei momenti più difficili di mettere in campo eccezionali capacità umane e professionali.

Il ringraziamento va in particolare ai Carabinieri del Gruppo di Frascati, guidati dal Tenente Colonnello Luciano Magrini, al Capitano della Compagnia di Subiaco Alessio Falzone e a tutti i suoi uomini;al Soccorso Alpino Lazio, a Corpo Forestale dello Stato, ai Vigili del Fuoco, all'Associazione Nazionale Carabinieri, all'Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo, ai Guardia Parco del Parco Regionale dei Monti Simbruini, a tutte le Protezioni Civili dei comuni limitrofi che con spirito di servizio hanno dato immediata disponibilità alla collaborazione ed in particolare alle associazioni locali "Centro Radio Soccorso" e "Simbruina".

Una menzione speciale va appunto alla Protezione Civile di Subiaco che ha contribuito in modo determinante al ritrovamento dei due bambini, dimostrando grandi capacità d'intervento.

Il ringraziamento deciso si estende alla società concessionaria degli impianti di risalita Livata 2001 s.r.l. che ha messo a disposizione, uomini, mezzi e capacità tecniche, ma anche a tutti gli operatori di Monte Livata che hanno dato il loro contributo fattivo e a tutti i cittadini e turisti, volontari, che con completo spirito di gratuità hanno dato un aiuto di grandissima valenza.

Una comunità viva, dunque, che ha espresso in questo momento difficile grandi valori di umanità, solidarietà e competenza professionale alla quale, oggi più che mai, siamo orgogliosi di appartenere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

  • Eventi

    Alatri on air festival

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento