rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
La vicenda / Morolo

Dosi massicce di anticoagulanti al compagno per ucciderlo: arrestata la 'Mantide' di Morolo

La condanna a tre anni e quattro mesi di reclusione emessa a carico della 51enne è divenuta definitiva e i carabinieri le hanno notificato l'ordine di restrizione ai domiciliari

Tentò di avvelenare il compagno con un farmaco anticoagulante: è stata arrestata, a seguito della sentenza di condanna definiriva, la donna ciociara di 51 anni che, secondo quanto accertato dai Carabinieri di Frosinone, avrebbe fatto ingerire all'uomo, a sua insaputa, quando era degente nel reparto di Ematologia di Frosinone dei farmaci anticoagulanti, mai prescritti e anzi diametralmente opposti rispetto alla terapia medica.

I fatti risalgono al 2013. A salvare il noto gallerista da morte certa furono i medici del nosocomio che allertano gli investigatori dell'Arma. La 'mantide', con precedenti per truffa e circonvenzione di incapace, venne incastrata da una telecamera posizionata all'interno della stanza. Arrivata a processo, in tutti e tre i gradi di giudizio, la 51enne è stata condannata a tre anni ed 4 mesi di reclusione. Questa mattina la sentenza definitiva della Corte di Cassazione è passata in giudicato e la donna è stata arrestata: trascorrerà la pena inflitta ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dosi massicce di anticoagulanti al compagno per ucciderlo: arrestata la 'Mantide' di Morolo

FrosinoneToday è in caricamento