Tivoli, medico palestrinese si incatena davanti al Tribunale, da 18 mesi non vede la figlia

La disperazione ti porta a fare gesti estremi pur di riavere i tuoi cari tra le braccia. Il medico 56 enne palestrinese Domenico Antonio Cardile, Mimmo per gli amici, ieri ha deciso di protestare in maniera plateale incatenandosi

Domenico Cardile

La disperazione ti porta a fare gesti estremi pur di riavere i tuoi cari tra le braccia. Il medico 56 enne palestrinese Domenico Antonio Cardile, Mimmo per gli amici, ieri ha deciso di protestare in maniera plateale incatenandosi

davanti al Tribunale di Tivoli. L’uomo separato dall’ex moglie da tempo oramai da 18 mesi non vede più la figlia che è con la madre a Gaeta.

"Voglio vedere mia figlia - è l'appello di Cardile, stimato dottore dirigente della ASL Rmg, lanciato attraverso l'Adnkronos - Mi è stato impedito perfino di assistere alla sua prima comunione, nel giugno 2015. La mia ex moglie, poi, dalla quale sono separato dal 2008, al termine delle vacanze dello scorso anno si è trasferita da Palestrina a Gaeta portando la bambina con sé senza avvertire. Io l'ho scoperto solo quando a settembre la piccola non si è presentata a scuola a Palestrina e la preside è venuta a sapere che era stata iscritta a Gaeta. Sono un buon padre - continua, disperato, Cardile - Nel mio fascicolo ci sono anche le dichiarazioni della preside della scuola e di altre persone che dimostrano che lo sono... Sono in regola con la giustizia, se vogliamo dire così, ma il giudice non mi permette di vedere mia figlia. Lei soffre profondamente la mia assenza. In questi 18 mesi ha perso 16 chili e lo stesso psicologo del Ctu ha presentato una perizia nel dicembre scorso che riconosce il grave stato di depressione della bambina. Eppure, nulla è stato fatto e io ho perso due anni della sua vita. E ora il giudice ha rinviato ulteriormente l'udienza a giugno prossimo. Ho diritto di vedere mia figlia, anche sentenze di Cassazione affermano che il rapporto genitore-minore è fondamentale addirittura per i detenuti e deve avvenire in affido protetto", prosegue Cardile, che assicura: "Non mi fermerò all'azione di oggi. Andrò avanti con la mia iniziativa. Voglio dare voce a tutti quei padri che si trovano nella mia stessa situazione e che, malgrado montagne di documenti e perizie a favore, non riescono ad avere giustizia e a vedere i propri figli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento