Torrice, utilizza i documenti della suocera morta per truffare una tabaccheria

F.M., di 55 anni, è stata arrestata dai Carabinieri a Supino mentre tentava di farsi ricaricare sulla postpay la somma di trecentocinquanta euro. Ha ottenuto il beneficio dei domiciliari in attesa del processo

“Truffa e sostituzione di persona”, questi i reati contestati dai Carabinieri e dalla magistratura a F.M. 55 anni di Torrice che ieri è stata arrestata a Supino. La donna, con precedenti penali analoghi, ha provato a raggiare il titolare di una tabaccheria facendosi ricaricare una post-pay con trecento cinquanta euro. Il tutto utilizzando i documenti appartenuti alla povera suocera defunta. Poi ha simulato un malore. Un escamotage che non è passato inosservato al titolare della ricevitoria che senza destare sospetti ha allertato il 112. In pochi minuti sul posto sono arrivati i militari della stazione che l'hanno bloccata e arrestata. Il mancamento che ha fatto finta di avere che non deve essere stato convincente visto che invece dell'ospedale per lei si sono spalancate le porte della camera di sicurezza della caserma. Il giudice dopo aver convalidato l'arresto ha disposto che la 55enne venisse trasferita agli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Torrice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiuggi, polemica social per la battuta infelice di Max Tortora ai “Soliti Ignoti”

  • Coronavirus, le prime ordinanze dei Sindaci ciociari: quarantena per chi arriva dal Nord

  • Cassino sotto choc, muore dopo un grave malore il professor Raffaele Di Mambro

  • Cassinate, muore a quarant'anni mentre guarda la tv

  • Coronavirus a Colleferro, una giornata di allarmismi ingiustificati. Ecco cosa è successo

  • Cassinate, nonna Teresa muore a distanza di poche ore dall'adorato nipote

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento