Truffa agli immigrati, le indagini si spostano anche all'estero

La delicata inchiesta giudiziaria, su un presunto raggiro milionario ai danni dello Stato si allarga: Polizia e Guardia di Finanza su disposizione della Procura e del Gip del tribunale di Cassino vanno in trasferta.

Truffa ai danni dello Stato e violazione della Legge sull'Immigrazione. Questa l'accusa formulata dal magistrato Alfredo Mattei a carico di sette persone, indagati eccellenti residenti a Cassino e nel suo hinterland, Un'indagine che ha preso il via nel giugno del 2016 e che sembra avere avuto una recente accellerazione. Il Gip del tribunale di Cassino, Salvatore Scalera, ha accolto la richiesta dei sostituto procuratore di dare il via libera ad una rogatoria internazionale. Guardia di Finanza e Polizia quindi potrebbero recarsi all'estero per svolgere ulteriori indagini. Il magistrato ha anche chiesto ed ottenuto una Proroga che scadrà il prossimo mese di giugno.

La vicenda

La scottante inchiesta giudiziaria ha visto coinvolti volti noti alla politica e del mondo dell'imprenditoria locale. A finire sotto la lente del personale delle fiamme gialle e della polizia di stato sono stati i responsabili di alcune cooperative che si occupano dell'accoglienza agli immigrati con sede anche nella provincia di Caserta e nel Molise, un ex sindaco di Cassino, un collaboratore e un notissimo esponente politico che ricopre anche un ruolo Istituzionale. Secondo gli elementi raccolti dagli inquirenti i sette personaggi avrebbero messo in atto una prsesunta truffa ai danni dello Stato. I fondi stanziati dal governo per l'assistenza ai profughi, inutamente al loro inseguimento lavorativo ed all'alfabetizzazione, sarebbero stati utilizzati per scopi personali.

Le indagini

La rogatoria internazionale potrebbe avere come fine l'accertamento di passaggi di danaro su conti esteri oppure il dover interrogare persone a conoscenza di fatti inerenti le indagini oppure in ultima ipotesi, con l'ausilio di polizia estera, l'individuazione di un qualche soggetto che attualmente vive fuori la nostra nazione ma anche in un recente passato potrebbe aver avuto stretti contatti con gli indagati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane finanziere muore nel sonno, la tragedia nella notte

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento