rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
L'indagine

Bonus edilizi, sequestrati da 670 milioni di euro di crediti d'imposta. Indagato anche un ciociaro

La Guardia di Finanza di Brescia ha scoperto una presunta truffa compiuta da una ventina di imprenditori

Sequestro d’urgenza di oltre 670 milioni di euro di crediti d’imposta ritenuti falsi. E’ il provvedimento eseguito, su delega della procura di Roma, dai finanzieri del Comando provinciale di Brescia, in collaborazione con i colleghi del Nucleo di polizia economico finanziaria di Roma e di numerosi altri reparti territoriali del Corpo, nell’ambito di un’indagine sul corretto utilizzo dei crediti fiscali relativi a “bonus facciate” ed “eco bonus”. Tra gli indagati anche un ciociaro.
    

Le indagini, condotte dal Nucleo di polizia economico finanziaria di Brescia, hanno fatto emergere ipotesi di reato per truffa e indebite percezioni a danno dello Stato, nonché riciclaggio, reimpiego in attività economiche e autoriciclaggio dei proventi illeciti da parte di una ventina di persone, residenti nelle province di Roma, Bologna, Pistoia, Salerno, Rimini, Verona, Napoli, Isernia, Macerata, Avellino, Frosinone e Bolzano.
   

 “La misura del sequestro d’urgenza – spiegano gli investigatori - si è resa necessaria per evitare l'introduzione e la circolazione, nel circuito economico legale, di crediti di imposta fittizi che avrebbero potuto essere portati indebitamente in compensazione con debiti tributari o ceduti a terzi. Le indagini proseguono, anche per individuare il coinvolgimento di altri soggetti”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus edilizi, sequestrati da 670 milioni di euro di crediti d'imposta. Indagato anche un ciociaro

FrosinoneToday è in caricamento