rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
L'omicidio / Villa Latina

Ucciso di botte e finito a coltellate, l'assassino resta in carcere

Convalidato l'arresto di Luca Agostino il 42enne di Villa Latina che domenica sera ha aggredito mortalmente l'imprenditore e coetaneo Armando Tortolani

Arresto convalidato e detenzione in carcere per Luca Agostino, il 42enne di Villa Latina accusato di aver ucciso il coetaneo Armando Tortolani per motivi ancora da chiarire e dopo un violento alterco avvenuto in località Pacitti, alla periferia del paese.

L'udienza si è svolta alle 13 presso il tribunale di Cassino alla presenza dell'avvocato Marco Rossini, difensore dell'imputato. Lo stesso che tra qualche giorno verrà ascoltato dal Gip per fornire l'esatte ricostruzione dei fatti. Armando Tortolani è deceduto poco dopo l'arrivo al pronto soccorso del 'Santissima Trinità' di Sora dov'è stato trasportato d'urgenza.

Il magistrato Flavio Ricci, sostituto procuratore titolare delle indagini, ha disposto che venga svolta l'autopsia in programma per domani, mercoledì 22 maggio, presso l'obitorio del 'Santa Scolastica' di Cassino e finalizzata a fare piena luce sulle cause del decesso.

Il medico legale incaricato, il professor Margiotta, dovrà stabilire se la morte sia scaturita dai pugni assestati prima delle coltellate o se la causa possa essere attribuita ai fendenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ucciso di botte e finito a coltellate, l'assassino resta in carcere

FrosinoneToday è in caricamento