Omicidio Capirchio, trent'anni all'assassino

Condannato con rito abbreviato Michele Cialei, il pastore accusato di aver ucciso e fatto a pezzi l'allevatore di 59 anni. Due anni e sei mesi invece il figlio Terenzio che doveva rispondere di vilipendio e occultamento di cadavere

Omicidio Capirchio, condannato a trenta anni di reclusione Michele Cialei, il pastore di 54 anni di Vallecorsa  accusato di aver ucciso e fatto a pezzi l'allevatore di Vallecorsa di 59 anni. L'imputato che è stato giudicato con rito abbreviato era difeso dall'avvocato Camillo Irace del foro di Napoli. Da evidenziare che il pubblico ministero aveva chiesto l'ergastolo. Ma essendo cadute delle aggravanti il giudice si è pronunciato per la condanna a trenta anni di carcere. 

Vilipendio ed occultamento di cadavere

E' stato invece condannato a due anni e sei mesi (pena sospesa) per il reato di vilipendio ed occultamento di cadavere il figlio di Michele Cialei  Terenzio. Ma quest'ultimo non avendo ancora 21 anni non sconterà nemmeno un giorno di carcere. Il giovane era rappresentato dall'avvocato Giampiero Vellucci. Per quanto riguarda il genitore l'avvocato Irace ha puntato ad evitare l'ergastolo proprio per poter giocare le sue carte in corte di Appello.

La  scomparsa dell'allevatore

L'allevatore scomparve dalla sua abitazione il 24 ottobre del 2017- Quel giorno si era recato come faceva di solito  nella  zona  dove portava i suoi cavalli al pascolo . Ma  a casa non era più ritornato. I carabinieri allertati dai  familiari avevano iniziato le ricerche. Ricerche che si erano concluse  dopo cinque mesi dalla sua scomparsa e precisamente nel marzo del 2018. Il corpo dell'all'allevatore che era stato fatto a pezzi e chiuso in due buste  di plastica era stato gettato in un dirupo in località Ambrifi  in territorio di Lenola.

L'arresto 

Gli elementi raccolti dagli investigatori chiusero il cerchio intorno alla figura del pastore Michele Cialei che venne arrestato. L'uomo però si era sempre avvalso della facoltà di non rispondere.

La confessione

Soltanto dopo un anno Cialei è crollato confessando al magistrato inquirente di essere stato l'autore di quel delitto sfociato a causa di una lite per motivi di pascolo. L'uomo aveva colpito Capirchio prima con un fucile e poi lo aveva  finito a colpi di pietra. La famiglia  dell'allevatore ucciso era rappresentata dall'avvocato Filippo Misserville.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, test rapidi per tutti: la Regione Lazio invoca un'unica strategia nazionale

  • Cassinate, esplode una bomba da guerra in un campo dove bruciavano sterpaglie

  • Coronavirus, infermiera positiva 'evade' dalla quarantena e torna al lavoro in ospedale

  • Coronavirus, trend dei contagi stabile in Ciociaria. Una 15enne trasferita da Frosinone al Bambino Gesù

  • Coronavirus, contagi raddoppiati in poche ore a Valmontone

  • Coronavirus, la storia di Pina, Vigile del Fuoco discontinuo che sta combattendo per la vita

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento