Omicidio Capirchio, Michele Cialei non era solo. I RIS trovano tracce di un altro DNA

Mentre le ricerche del corpo dell'allevatore di Vallecorsa vanno avanti, emergono nuovi importanti particolari dalle indagini portate avanti dai carabinieri

Michele Cialei aveva un complice che lo avrebbe aiutato ad a occultare il cadavere. Questo sarebbe emerso dai risultati di carabinieri del Ris, che avrebbero rinvenuto in più punti un DNA diverso da quello di Cialei. Si tratta di una traccia maschile che sarebbe stata ritrovata non solo all'interno della vettura dell'arrestato, ma anche sui suoi indumenti e sul luogo dove sarebbe avvenuta la presunta colluttazione con l'allevatore scomparso.

L'omicidio con premeditazione

Michele Cialei, che si è avvalso della facoltà di non rispondere, è accusato di omicidio con premeditazione ed occultamento di cadavere. Per la cronaca va detto che il figlio Lorenzo di 20 anni al momento è indagato per occultamento di cadavere. Da alcune indiscrezioni trapelate sarebbero già state avviate le prime comparazioni per verificare se DNA possa appartenere al figlio dell'arrestato.

Le tracce ematiche

A portare l'uomo tra le sbarre ricordiamo, proprio le tracce ematiche appartenute ad Armando Capirchio, non soltanto nel bagagliaio della vettura, ma anche sugli indumenti che indossava il giorno della scomparsa. In quelle tracce ematiche oltre al sangue di Capirchio c’era anche quello di Cialei.  Tra  gli elementi a carico dell'uomo anche l'aver accertato che il fucile da caccia del pastore aveva esploso alcuni colpi. Tutti elementi che hanno fatto stringere il cerchio intorno al 51enne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua la ricerca del corpo

Spetterà adesso ai legali, smontare il castello accusatorio nei confronti del loro assistito. Un castello, ha tenuto a sottolineare uno degli avvocati difensori, che è stato costruito esclusivamente su indizi. Intanto i carabinieri continuano incessantemente a ricercare il corpo di Armando Capirchio scomparso dalla sua abitazione il 23 ottobre scorso. Quel corpo che, oggi alla luce di quanto emerso, rappresenterebbe la prova "Regina".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento