Scomparsa Capirchio, gli aggiornamenti del colonnello Fabio Cagnazzo, comandante provinciale dei Carabinieri

Novità inerenti l'uomo scomparso a Vallecorsa, gli investigatori dopo aver raccolto alcuni elementi interessanti, fanno il punto della situazione

 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Il comandante provinciale dei carabinieri colonnello Fabio Cagnazzo, in merito alla sparizione dell'allevatore ha riferito che dopo aver effettuato la ricostruzione della giornata della persona scomparsa, si è subito intuito che non poteva trattarsi di un evento più triste del semplice malore o della caduta accidentale. Tanto più che il corpo ancora non si trova. Per quanto riguarda eventuali indagati il colonnello ha smentito che ci siano persone al momento iscritte sul registro della procura. Vi sarebbero però dei sospettati. Persone che secondo alcune indiscrezioni trapelate avrebbero avuto delle discussioni con l'allevatore scomparso. "Ma i sospettati – avrebbe dichiarato  il comandante -  possono essere sentiti a sommaria informazione mentre gli indagati debbono essere ascoltati con tutte le garanzie di legge, in questo ci sarebbe una grande differenza". Confermato invece che sono stati sequestrati un fucile, dei vestiti ed alcuni cellulari. Al momento gli investigatori stanno effettuando degli accertamenti all’interno di abitazioni private. Gli inquirenti puntano inoltre ad una ricostruzione minuziosa dei giorni antecedenti alla scomparsa ed al giorno stesso della sparizione di Armando Capirchio l'uomo che si è allontanato dalla sua casa di via Vignali a Vallecorsa il 24 ottobre scorso senza farne più ritorno.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento