menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sindaci CUC

Sindaci CUC

Valmontone, avviata la Centrale Unica di Committenza (C.U.C) dei Castelli della Sapienza

Con la sottoscrizione dell’accordo, giovedì presso la sede consortile a Palazzo Doria Pamphilj a Valmontone, il Consorzio dei Castelli della Sapienza ha formalmente avviato la Centrale Unica di

Con la sottoscrizione dell'accordo, giovedì presso la sede consortile a Palazzo Doria Pamphilj a Valmontone, il Consorzio dei Castelli della Sapienza ha formalmente avviato la Centrale Unica di

Committenza (C.U.C.), l'organo di riferimento unitario a cui è affidata la gestione tecnico-amministrativa delle procedure di appalto delle amministrazioni comunali che vi hanno aderito.

"Per ora - spiega il presidente Angelo Rossi - la Cuc comprende cinque comuni (Cave, Genazzano, Gallicano nel Lazio, Artena e Colonna, oltre al distretto socio sanitario RmG5,) di cui gestiremo le procedure di evidenza pubblica in maniera associata, inoltre sta per aderire il Comune di Labico. Va sottolineato che, per legge tutti i Comuni non capoluogo di provincia devono procedere all'acquisizione di lavori, beni e servizi attraverso una convenzione tra i comuni stessi o, in alternativa, facendo ricorso ad un soggetto aggregatore. Nel nostro caso il soggetto è il Consorzio I Castelli della Sapienza. Oggi si parte, in seguito potranno aderire altri comuni consorziati e non con le medesime modalità".

La Centrale unica di committenza nasce dall'esigenza di razionalizzare la spesa pubblica ed in osservanza del decreto "salva-Italia" (recante ''Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici') con il quale il Governo ha introdotto una forma di "accentramento della gestione delle gare ad evidenza pubblica",

individuando un contenimento della spesa della pubblica amministrazione derivante dalla eliminazione dei costi inutili dovuti alle varie fasi procedimentali degli adempimenti di aggiudicazione di lavori, servizi e forniture. La Cuc presenta vantaggi innegabili in termini di costi di gestione degli appalti a carico dei singoli comuni; miglioramento del rapporto tra qualità ed il prezzo di appalto; utilizzo di risorse umane con elevata professionalità adeguata agli appalti; riduzione o eliminazione di duplicazioni e sprechi; vantaggi per gli enti locali di poter contare

su di un soggetto pubblico di area vasta, con capacità di gestire complessivamente e omogeneamente le procedure di gara, per tipologia, sollevando gli stessi enti locali da adempimenti per i quali non sempre si hanno adeguate risorse umane (di adeguate professionalità) e finanziarie, consentendo economie di scala e risparmi di processo. Il

ricorso alle centrali di committenza può, inoltre, colmare il divario tra programmazione dei lavori pubblici e la programmazione degli acquisti di beni e servizi.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento