Cronaca

Valmontone, dai primi di giugno in città i bambini di Chernobyl grazie all’associazione Unraggiodisole Onlus

Associazione Unraggiodisole Onlus, bambini di Chernobyl, in percorso sanitario. Il Comune di Gallicano nel Lazio, patrocinando l’iniziativa si farà carico di pagare l’assicurazione rischi ai minori. Il prossimo 3 Giugno, arriveranno

Associazione Unraggiodisole Onlus, bambini di Chernobyl, in percorso sanitario. Il Comune di Gallicano nel Lazio, patrocinando l'iniziativa si farà carico di pagare l'assicurazione rischi ai minori. Il prossimo 3 Giugno, arriveranno I BAMBINI del nostro progetto UNA FINESTRA PER LAVITA. Vogliamo sottolineare che i bambini non saranno ne dell'associazione tantomeno delle famiglie accoglienti, loro come tutti i bambini faranno parte della nostra comunità.

Parlano MASSIMILIANO DI SANTO E PATRIZIA PONTECORVO, rispettivamente Presidente e Vice Presidente dell'ASSOCIAZIONE UNRAGGIODISOLE ONLUS. Tutto iniziò quando 10 anni fa ospitammo a Valmontone un gruppo di bambini bielorussi, per le vacanze estive, loro come gli altri vennero in Italia per rompere la catena alimentare contaminata, ma dal momento che abbiamo conosciuto le nostre bambine è nato con loro un legame intenso e indissolubile. Questa nostra storia è comune a molte altre, poi le bambine, dopo l'estate ripartirono per la loro terra che a causa di Chernobyl è una terra tormentata.

In Bielorussia il più delle volte si scorgono paesini (villaggi) con poche famiglie, in case di legno, salari insufficienti e senza troppe speranze. I salari per avere lo stretto necessario per sopravvivere, una casa calda, una zuppa preparata con i prodotti dell'orto?

Dopo questa esperienza, abbiamo così deciso di aprire un'associazione, nata a Luglio del 2013. Oggi abbiamo molti progetti di sostegno per questi bambini che vivono lì, non solo per quelli che vengono in Italia. Ospitare un bambino/a è un atto d'amore, e un legame che si stabilisce che può durare per sempre.

Sono passati 10 mesi da quando abbiamo aperto la nostra associazione e il prossimo 3 GIUGNO arriverà il primo gruppo dei nostri bambini, resteranno con le loro famiglie per tre bellissimi mesi ed avranno l'opportunità di vivere lontano dalle zone contaminate dalle radiazioni nucleari. In Italia saranno seguiti con una dieta ricca di proteine e vitamine che consente di eliminare fra il 50% e il 70% degli isotopi radioattivi, con particolare riferimento al cesio 137 che si accumula dell'organismo dei bambini, frutto velenoso e ancora oggi attuale del Disastro alla Centrale Nucleare di Chernobyl.

Noi stiamo già pensando al prossimo inverno, serve tanta solidarietà e tante altre famiglie che vogliono unirsi a questo nostro cordone solidale, d'aiuto ai bambini in difficoltà. Il nostro primo obbiettivo è il risanamento dagli effetti dei radionuclidi, ma considerato il fatto il nostro progetto riguarda bambini provenienti da case-famiglia o istituti è importante fornire loro un ambiente familiare più ricco, rispetto al loro ambiente tradizionale, stimoli, conoscenze ma soprattutto tanto affetto.

Colgo l'occasione per ringraziare, racconta Massimiliano DI SANTO, il Comune di Gallicano nel Lazio, il Sindaco e l'intera Giunta, ma in modo particolare voglio ringraziare il Vice Sindaco e Assessore alle Politiche Sociali, Dott. Pietro COLAGROSSI, per averci concesso il patrocinio e un contributo che servirà al pagamento dell'assicurazione rischi per i bambini e per l'accompagnatrice. Il Comune di Gallicano nel Lazio ha immediatamente compreso lo spirito della nostra importante iniziativa, siamo altresì convinti che la permanenza dei bambini, sarà anche l'occasione per instaurare uno scambio culturale di conoscenza con un mondo tanto vicino, quanto sconosciuto e allora cari amici "Spassiba" e "Dasvidania"?

Per qualunque informazione sul progetto Una Finestra per la Vita ci potete contattare:

Associazione UN RAGGIO DI SOLE ONLUS - Cell. 3929892779 - 3883007481mail: massimiliano_disanto@virgilio.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valmontone, dai primi di giugno in città i bambini di Chernobyl grazie all’associazione Unraggiodisole Onlus

FrosinoneToday è in caricamento