Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Valmontone, la Mattia rettifica; niente culatello ma solo pasta al pomodoro

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Egregio Direttore, nell'articolo pubblicato in data 20 luglio 2014 sulla testata da Lei diretta, dal titolo “Valmontone, culatello e salcicce con il Pd a Palazzo Doria ma senza nessuna autorizzazione” a firma DF

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: Egregio Direttore, nell'articolo pubblicato in data 20 luglio 2014 sulla testata da Lei diretta, dal titolo "Valmontone, culatello e salcicce con il Pd a Palazzo Doria ma senza nessuna autorizzazione" a firma DF



(Daniele Flavi), compaiono palesi ed evidenti distorsioni della realtà dei fatti e infondate accuse di "abusi e reati di vario genere" commessi dal segretario del Partito Democratico di Valmontone e dal vice sindaco che risultano diffamatorie nei confronti dei soggetti chiamati in causa. Con la presente, a norma della Legge 416/1981, si chiede pertanto di modificare il suddetto articolo, sia nel titolo che nei contenuti, per ripristinare la verità dei fatti.





Nella giornata del 19 luglio 2014, infatti, si è svolto nelle sale di Palazzo Doria Pamphilj un importante convegno politico di caratura nazionale al quale hanno preso parte il presidente del Partito Democratico, Matteo Orfini, il segretario regionale del Pd, Fabio Melilli, il segretario provinciale Pd, Rocco Maugliani e rilevanti esponenti del governo della Regione Lazio, della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica, oltre che sindaci e amministratori del territorio. I lavori si sono svolti dalle ore 11 alle ore 17, con interventi qualificati ed interessanti su temi di grande attualità, a partire dalla costituenda Città Metropolitana. Una manifestazione che ha dato grande lustro al Partito Democratico di Valmontone e alla città tutta che, ci rendiamo conto, può creare disagio ai partiti avversari e, probabilmente, anche a chi continua solo a parole a professare un'appartenenza al Pd ormai smentita dai fatti.




Spiace osservare che, di fronte ad un parterre così qualificato, un giornalista attivo come lei non abbia avuto modo, nell'arco della giornata, di venire di persona a constatare l'infondatezza delle accuse che vengono riportare oggi nel suo pezzo, a cominciare dalla totale assenza di "salsicce e culatello".




Nel merito dei fatti il segretario del Partito Democratico, e non la vice sindaco, aveva chiesto e ottenuto formale autorizzazione per l'utilizzo delle sale del Palazzo per il convegno, con tanto di relativo versamento di 200 euro effettuato al Comune di Valmontone. Tra la sessione mattutina e pomeridiana nella corte del palazzo c'è si è tenuto un momento di ristoro con cibi precotti, senza salsicce, brace e pentoloni, consumati dai presenti come è spesso accaduto in analoghe iniziative svolte da chi, tra cui la cena del comitato per la sacra rappresentazione e la pizza del raduno nazionale majorettes, affitta e utilizza il palazzo per eventi e manifestazioni.




In quanto ai soldi - di cui si parla nell'articolo - si tratta di una libera sottoscrizione di autofinanziamento che, come il Paese intero chiede, il Partito Democratico ha organizzato per fare in modo che siano gli iscritti e i simpatizzanti a sostenere le spese delle iniziative politiche e non più i soldi pubblici.


Pur comprendendo le naturali rimostranze di un movimento politico che non ha avuto riscontri elettorali e prosegue, senza fortuna, nel tentativo di delegittimare le buone pratiche politiche dell'Amministrazione comunale e di un Partito Democratico che, a Valmontone, ha avuto alle recenti europee un consenso senza precedenti, si prende atto con rammarico che in questa vicenda la testata da Lei diretta non solo abbia scelto di ridicolizzare un evento politico che pone Valmontone in grande evidenza nazionale ma si sia lasciata andare alla narrazione distorta dei fatti.





Per garantire il legittimo diritto-dovere di una informazione libera e corretta, si chiede pertanto di rettificare l'articolo pubblicato nel rispetto della verità dei fatti, cassando tutte le parti riguardanti termini e allusioni chiaramente diffamatorie della reputazione delle persone citate.


Certi di un solletico riscontro si porgono i più cordiali saluti.


Valmontone 20 Luglio 2014




ELEONORA MATTIA


NOTA DIRETTORE: Com'è giusto che sia cari Segretario del PD e vice Sindaco di Valmontone abbiamo prontamente pubblicato la vostra replica - rettifica (per la precisione ce ne sono arrivate due a distanza di pochi minuti. Una firmata da entrambe e la seconda solo dal vicesindaco. Ci fosse stato un ripensamento??). Ci preme sottolineare che prima di pubblicare la notizia, che tanto clamore ha fatto in città, ci siamo puntualmente documentati con tanto di prove documentali che ancora abbiamo in nostro possesso. Era ovvio che culatello e salcicce fosse una forzatura giornalistica ma la verità è che avete utilizzato un bene pubblico a vostro piacimento senza avere le autorizzazioni per farlo in quanto avevate pagato solamente per l'utilizzo della sala e non per la somministrazione di cibo e bevande. Nello specifico del menù (cosi vi facciamo capire a che livello d'informazioni siamo arrivati) ai vostri importanti commensali non avete solo somministrato il cibo ma avete cotto la pasta al pomodoro nei famosi pentoloni scaricati ad hoc da una macchina, dopo aver servito la pasta fredda, prima di passare alla carne ed all'insalata. Di chi sia stata l'infelice idea non lo sappiamo ma di certo il solito "Jolly tutto fare" dell'amministrazione che si prestato a cucinare la pasta al pomodoro prima di farlo avrebbe dovuto sapere che oramai per fare queste cose ci vogliono le autorizzazioni specifiche (forse quando era lui assessore le cose erano diverse) e voi non le avevate. Una volta colti sul fatto c'è anche stata la sfuriata del primo cittadino che lamentava la fuga di notizie. Invece di far passare sotto coperta questo vostro grossolano errore con la vostra solita supponenza ora cercate di mettere una pezza al tutto ma oramai è tardi e l'errore è stato commesso e noi lo abbiamo solo fatto conoscere a tutti i nostri lettori ed ai tantissimi di Valmontone che voi state cercando di amministrare.


© Riproduzione riservata

Caterina I. Paoletta 21 luglio 2014 09:10

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valmontone, la Mattia rettifica; niente culatello ma solo pasta al pomodoro

FrosinoneToday è in caricamento