Valmontone, Mattei torna in possesso del Teatro Valle dopo 12 anni di processo

Il 20 ottobre 2016 è per il signor Luigi Mattei una data importante, o meglio una data da ricordare. Perché, finalmente, dopo 12 anni di lungaggini processuali ha ottenuto una vittoria, seppur ancora largamente parziale, contro il comune di...

 

Il 20 ottobre 2016 è per il signor Luigi Mattei una data importante, o meglio una data da ricordare. Perché, finalmente, dopo 12 anni di lungaggini processuali ha ottenuto una vittoria, seppur ancora largamente parziale, contro il comune di Valmontone. Lunedì scorso l’ufficiale giudiziario si era preso altri 3 giorni per approfondire la vicenda prima di rendere esecutiva la sentenza della corte di appello di Roma del 14 ottobre scorso che in pratica gli ridava il possesso (o meglio la detenzione qualifica) della struttura mentre la proprietà restava al comune dopo che lo stesso l’ha acquistata all’asta fallimentare quando era sindaco Angelo Miele. Giovedì mattina il signor Mattei, difeso dall’avvocato Caporro di Colleferro, ha ottenuto una sorta di vittoria di Pirro nel senso che gli è stata consegnata la chiave del cancello (solamente una, ma gli ingressi sono tre) ma in pratica non può entrare nella struttura perchè, giorni fa il comune aveva emesso un’ordinanza di inagibilità, dopo il sopralluogo della polizia locale, e quindi tutta l’area (interna ed esterna) è interdetta al pubblico ed allo stesso Mattei. In pratica il buon Luigi è tornato in possesso del solo cancello di ferro posto all’esterno della struttura su via G. Matteotti. “Sono veramente soddisfatto – ci ha detto Mattei subito dopo la firma del verbale – perché seppur parzialmente oggi la mia vittoria dal tribunale si è spostata in strada, qui davanti al cinema. Oggi è solo il primo passo, ho una sorta di possesso virtuale della struttura e da qui ricomincerà un’altra fase di questa lunga “battaglia” che mi porterà a riaverlo completamente funzionante ed a disposizione di tutti i cittadini valmontonesi. Adesso, come prossimo passo con il mio avvocato, faremo istanza di opposizione all’ordinanza del sindaco Latini e dimostreremo che la struttura è perfettamente agibile. La mattinata è terminata con il fabbro Antonio Marrocco di Labico che ha messo le catene al cancello di ingresso.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento