Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Valmontone, sull’ hospital le bugie della maggioranza Latini hanno le gambe corte

Con molto piacere pubblichiamo qui di seguito la lettera che ci è stata inviata dal Dott. Puce nella quale abbiamo la conferma che quanto da noi riportato il 15 aprile in un nostro dettagliato articolo era tutto vero. L’articolo provocò dei forti...

Con molto piacere pubblichiamo qui di seguito la lettera che ci è stata inviata dal Dott. Puce nella quale abbiamo la conferma che quanto da noi riportato il 15 aprile in un nostro dettagliato articolo era tutto vero. L'articolo provocò dei forti sussulti all'interno della maggioranza Latini che in tarda serata riuscì a produrre un alquanto comico comunicato stampa. Ora arriva questa conferma del Dott. Puce, da sempre vicino al vice sindaco Mattia, che questa volta non immaginiamo proprio che cosa s'inventerà per smentirlo. La verità è che proprio in questi giorni, per quanto riguarda le nomine del Valmontone Hospital, si sta avverando tutto ciò che noi avevamo previsto alla faccia della trasparenza e del nuovo modo di fare politica di Latini e della sua squadra. Complimenti!

Di seguito la nota del dott. Puce. Ho raccolto, sia da notizie comparse su giornali locali on-line, che dal vociferare locale, la mia "papabilità" (tra altri) alla Presidenza del "Valmontone Hospital s.p.a", - nella ravvicinatissima circostanza di tale adempimento- vorrei proporre alcune mie considerazioni. Intendo precisare che corrisponde al vero che io mi sia candidato a questa carica.

Ho sempre considerato, come milioni di italiani, che uno dei limiti della politica nostrana sia attribuibile ai famosi "giochi di palazzo", che hanno sempre depresso le competenze e le professionalità.

Che la trasparenza nelle scelte di governo della cosa pubblica sostanzia la democrazia.

Che un nuovo modello di prassi politica e amministrativa non può non tenere conto della necessità di trasformare le idee ed i programmi enunciati, in atti concreti.

Che la partecipazione - e la creazione delle condizioni ad essa necessarie - sia un grande valore.

E, proprio per queste ragioni, convinto di poter "umilmente" continuare a dare un mio piccolo contributo allo sviluppo della realtà locale, che il 17.12.2013 ho formalmente avanzato la mia manifestazione di interesse ad essere valutato nella carica di Presidente del "Valmontone Hospital", ritenendo di essere in possesso dei requisiti di professionalità, competenza, correttezza, onestà onorabilità (art. 76 Statuto Comunale); mi sono sentito sostenuto in questo anche dalle nuove norme sulla trasparenza e sulla anticorruzione e dagli orientamenti di indirizzo politico della Regione Lazio, in materie similari(delibera G.R. n.80/2013). E non avendo nessun "conflitto di interessi" .

Pertanto, se sarà scelta persona in possesso di curriculum e profilo professionale superiore ai miei, probabilmente sentirò l'amarezza di chi perde un concorso a vantaggio di un concorrente più meritevole, prendendo atto dell'esito. Avrò, in quel caso, la capacità di riconoscere il merito altrui. Ma, se così non fosse, un altro colpo sarà stato inferto a chi attende da tempo percorsi di cambiamento e considera la trasparenza e la meritocrazia fondamento del bene comune.

Adriano Puce

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valmontone, sull’ hospital le bugie della maggioranza Latini hanno le gambe corte

FrosinoneToday è in caricamento