Valmontone, vendono biglietti omaggio delle tessere VIP degli amministratori comunali ma vengono scoperti

Due bagarini sono stati presi sul fatto, martedì pomeriggio, mentre vendevano dei biglietti, quattro per la precisione, con su scritto omaggio proprio dalle parti dell’ingresso principale del Parco Divertiventi Rainbow MagicLand di Valmontone.

Rainbow magicland

Due bagarini sono stati presi sul fatto, martedì pomeriggio, mentre vendevano dei biglietti, quattro per la precisione, con su scritto omaggio proprio dalle parti dell’ingresso principale del Parco Divertiventi Rainbow MagicLand di Valmontone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fin qui potrebbe sembrare una normale notizia di cronaca fra le tante che ogni giorno invadono le nostre caselle mail, ma invece dalle prime indiscrezioni,verificate con fonti attendibili, dietro questa notizia c’è qualcosa di molto più interessante del semplice “reato” del bagarinaggio. Ovvero, dalle ricerche effettuate dalle forze dell’ordine intervenute sul posto si sarebbe scoperto che i quattro biglietti omaggio provenivano da due tessere VIP di proprietà di due noti amministratori comunali. Ci spieghiamo meglio. Sin dai tempi dell’inaugurazione di tanti anni fa, oramai, gli amministratori comunali di Valmontone hanno in dono, appunto, questa tessera VIP che consente loro di ritirare alla biglietteria due biglietti (non nominativi) che possono essere utilizzati come regali ma che, ovviamente, non posso essere venduti. Di fatto questi ticket sono stati venduti a degli ignari turisti alla cifra di 20 euro e quindi conti alla mano per 30 giorni i due impavidi amministratori, in questi mesi estivi di massimo afflusso al Parco, potrebbero riuscire a guadagnare la bella cifra di 1200 euro mese. Un gesto veramente brutto che ci fa capire, qualora ce ne fosse ancora bisogna, a che punto in basso la politica, o meglio i politici locali, sono arrivati. Speriamo che le forze dell’ordine facciamo presto il loro dovere e che i colpevoli di questi gesti spregiovoli vengano puniti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento