Veroli, prosciolto l'ex comandante dei vigili urbani De Sanctis dall'accusa di abuso di ufficio

L'uomo era stato indagato per aver dato incarico ad una cooperativa di spedire le contravvenzioni per eccesso di velocità. Secondo le accuse avrebbe dovuto indire una gara di appalto

Aveva incaricato una cooperativa  di effettuare un servizio che stava impegnando ogni giorno cinque vigili urbani L'incarico consisteva di occuparsi della spedizione delle contravvenzioni per eccesso di velocità.   Ma questa   decisione da parte dell'ex comandante dei vigili urbani di  Veroli, Daniele De Sanctis di  51 anni, aveva fatto scattare un esposto. Le indagini avviate  sul suo conto ( i fatti sono relativi  agli anni 2014- 2016),  avevano portato il pubblico ministero  a  ravvisare il reato di  abuso di ufficio. Secondo gli elementi  raccolti dalla procura l'indagato  per quel tipo di servizio, avrebbe dovuto indire la  gara di appalto. Per questo motivo ne aveva chiesto il rinvio a giudizio. Ma ieri mattina, in sede di udienza preliminare, il giudice ha accolto in toto le motivazioni  presentate dal difensore Rosario Grieco ed ha prosciolto l'indagato da tutte le accuse. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le motivazioni della difesa

La difesa ha sostenuto che il suo assistito  aveva assunto il comando con 12 vigili urbani, cinque dei quali doveva impiegarli a spedire le contravvenzioni.Da quando era stato installato l'autovelox   si era arrivati a centomila verbali l'anno. Per questo motivo aveva  cercato una soluzione per portare di nuovo quei pochi vigili urbani che c’erano a svolgere il loro lavoro   sulle strade. Soluzione che  a detta del comandante era stata trovata  dando incarico ad una cooperativa che si occupasse proprio di questo servizio. E siccome le forniture di importo erano inferiori a quarantamila euro  poteva usufrure  dell’affidamento mediante cottimo fiduciario.   La tesi difensiva ha portato  il giudice a prosciogliere l'ex comandante dei vigili urbani perchè il fatto non sussiste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento