Welcome to Italy, il pm Mattei chiede il rinvio a giudizio per ventidue indagati

Nel corso dell'udienza dinanzi al Gup, il magistrato titolare dell'indagine non ha voluto però entrare nel merito. Le prossime udienze saranno riservate alla difesa e poi la dottoressa Sodani dovrà rendere nota la decisione

Da dx il dottor Mattei ed il procuratore d'Emmanuele

Ha chiesto che per tutti gli indagati venga disposto il processo. Il pubblico ministero Alfredo Mattei, titolare dell'inchiesta Welcome to Italy, nel corso dell'udienza preliminare che in queste settimane si sta svolgendo presso un'aula dell'università di Cassino nel rispetto delle norme anti-covid, ha formulato la sua richiesta di rinvio a giudizio ma senza entrare nel merito della discussione. Quindi a rischiare di finire alla sbarra saranno ventidue su ventiquattro indagati (le posizioni di due sono state trasferite alla Procura di Santa Maria Capua Vetere).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le repliche

La prossima udienza, fissata per il 21 ottobre vedrà gli interventi della difesa. Mentre alla data di mercoledì 28 ottobre a prendere la parola saranno gli avvocati difensori di Bruno Scittarelli, Katia Risi, Paolo Aristipini, Francesco Mosillo e i fratelli Lucio e Dino Secondino, che hanno deciso di non sottoporsi all'interrogatorio. A spiegare le ragioni dei loro clienti saranno quindi i legali Sandro Salera, Gianrico Ranaldi, Giuseppe Stellato, Giuseppe Di Mascio, Paolo Sgambato e Paolo Marandola. Al termine dell'udienza la dottoressa Sodano si ritirerà in camera di consiglio per la decisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento