menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Presentata la guida delle osterie Slow-Food 2018 con 9 ristoranti ciociari

Una serata in cui sono state illustrate le peculiarità dei prodotti slow-food

Presso la sala degustazioni di “Dolcemascolo” a Frosinone, si è svolta la serata di presentazione della guida Osterie d’Italia 2018, con la classica lumachina ad indicare slow-food guidata dalla delegata provinciale Francesca Litta, che ha illustrato le pecularità di questa rinnovata guida e dei prodotti slow-food.

Serata di grande successo

È stata una serata di grande successo, prima di tutto perché il territorio è stato il vero protagonista con piatti di un gusto davvero unico, promossi dallo chef Salvatore Tassa e magnificamente rappresentato dai piatti delle Osterie in guida. 
Molto pubblico curioso ed interessato, soci slow e non solo: per questi ultimi è stato un modo per conoscere l’associazione che è stata presentata nella sua interezza, oltre alla nuova guida delle Osterie 2018.


Ciociaria Slow  star della serata 


La Ciociaria slow é stata la star della serata, attraverso lo strumento della Guida Osterie. Francesca Litta ha coordinato tutti i Fiduciari delle Condotte della Provincia di Frosinone. “Un grazie a tutti e alle Osterie che hanno partecipato e presentato i loro piatti” ha detto Francesca Litta ai presenti mentre costoro degustavano i ricchi piatti preparati dai nuovi entrati nella guida e dalle altre osterie.

Le osterie partecipanti 

Le delizie di Maria – Arpino; Locanda del Ditirambo - Castro dei Volsci; La Polledrara - Paliano;  Osteria del Vicolo Fatato - Piglio;  Da Silvana - Altipiani di Arcinazzo; In Vino Veritas – Frosinone; La Locanda di Arturo – Picinisco e La Sementa - Veroli. I quali, coordinati dallo chef Salvatore Tassa, stellato di Acuto, hanno fatto degustare ognuno i propri piatti lasciando di stucco i numerosi invitati, sia soci slow-food che altri amici, per una serata veramente di grande gusto ciociaro, tanto che sono state assegnate le chiocciole ad Osteria del Tempo Perso di Casalvieri, La Polledrara di Paliano (che ha preso anche un bottiglia di vino) e Osteria Vicolo Fatato di Piglio e nella vicina Olevano Romano. Anche al noto ristorante Sora Maria e Arcangelo  anche una bottiglia di vino. Il Boschetto, sempre di Olevano Romano, ha preso una bottiglia di vino. Osteria del Vicolo Fatato ha preso un bottiglia ad indicare, ovviamente la qualità dei vini offerti dalle osterie segnalate 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lazio in zona gialla? I numeri dicono di sì, ma...

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Incontro con Simone Frignani, il costruttore di cammini!

  • Attualità

    Le 'ciocie' tra storia e curiosità

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento