Cassino, la Cicas interviene sulla crisi delle piccole aziende del territorio

Il segretario regionale chiede maggiore elasticità da parte delle banche

Niki Dragonetti

La CICAS - Confederazione Imprenditori Commercianti Artigiani Turismo e Servizi - , rivolgendosi alle Istituzioni parla del problema legato all’aiuto alla micro e imprese per il difficile accesso al credito. In proposito è intervenuto il segretario regionale Niki Dragonetti che, facendosi portavoce del direttivo nazionale, in una nota stampa, invita gli Istituti di Credito della provincia di Frosinone a non "chiudere i rubinetti del credito per le piccole e piccolissime imprese che rappresentano la spina dorsale della nostra economia. Il problema merita una doverosa attenzione da parte di tutte le Istituzioni sia pubbliche che private".

Le situazioni più critiche nelle regioni del centro-sud

"Se lo scenario nazionale dell’ultimo anno fa registrare un calo del fatturato delle PMI che si assesta tra il 25 e il 40%m nel Mezzogiorno, la situazione è ancora più grave poiché strutturalmente più arretrato e con un sistema bancario più chiuso e soffocato dai parametri dettati dalle varie Basilea - sostiene Dragonetti -. Siamo consapevoli che per l’economia nel mezzogiorno, si fonda per la gran parte, su aziende di dimensioni ridotte (piccole e piccolissime imprese) a carattere familiare, che potrebbero rappresentare un concreto volano di sviluppo se supportate, da parte degli Istituti di credito che dovrebbero investire cancellando anche un debito sociale rappresentato dai forti tassi d’interesse applicati in questi anni agli imprenditori del mezzogiorno d’Italia e non solo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un tavolo di confronto per tutelare chi è a rischio

"Alle banche ed alle Istituzioni, chiediamo un serio e proficuo confronto in cui ognuno, responsabilmente, si assuma l’impegno di valorizzare le tante risorse economiche, grazie anche ai tanti fondi comunitari che in molti casi tornano indietro per mancato impegno - conclude il segretario regionale -. La CICAS rincorre il confronto con le Istituzioni a viso aperto e a testa alta per difendere le istanze degli associati e dei propri aderenti. La CICAS è convinta che l’accesso al credito sia un problema che attanaglia gli imprenditori del nord e del sud Italia da Trapani a Trieste, da Pantelleria ad Aosta".
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento