Economia

Carpineto Romano, prosegue la lotta biologica al Cinipide del castagno con il rilascio di Turymus Sinensis

Nei giorni appena trascorsi del mese di aprile in collaborazione con la XVIII Comunità Montana e il servizio fitosanitario della Regione Lazio,

Nei giorni appena trascorsi del mese di aprile in collaborazione con la XVIII Comunità Montana e il servizio fitosanitario della Regione Lazio, sono stati effettuati i lanci del predatore antagonista del Cinipide Galligeno del castagno ovvero del Torymus Sinensis. Con i lanci suddetti si è teso a costruire una rete di punto di inoculo dell'antagonista del cinipide più o meno equidistanti nelle aree dove sono presenti i castagneti. A tale avviso, al fine di non ostacolare la CERTA diffusione del Torymus, si ricorda che il materiale derivato da potature di rimonda dei castagneti, soprattutto rami con la presenza di galle, nelle vicinanze delle aree di lancio, devono essere distrutti solamente a partire dalla seconda metà del mese di giugno al fine di garantire eventuali farfallamenti dell'antagonista Cinipide. Ulteriore raccomandazione consiste nel fatto di non ricorrere ad alcuna forma di lotta chimica, anche per altri insetti come le cidie e il balanino, in quanto potrebbero interferire con la diffusione del Torymus stesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carpineto Romano, prosegue la lotta biologica al Cinipide del castagno con il rilascio di Turymus Sinensis

FrosinoneToday è in caricamento