menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consorzio di Bonifica, si paga anche se non si usufruisce del servizio

"Colpa" dei benefici e dei vantaggi indiretti. A stabilirlo sono le recenti sentenze della Commissione Tributaria di Frosinone

Il tributo è dovuto per legge da tutti i proprietari di terreni e fabbricati che si trovano nel territorio gestito da un consorzio di bonifica. Il principio è stato ribadito dalle ultime, più recenti sentenze emesse dalla Commissione Tributaria di Frosinone (66/2018, 277/2018 e altre) che, con tale orientamento, chiarisce il ruolo essenziale degli enti di bonifica, sottolineando come le opere consortili servano per la comunità inclusa nel comprensorio e non necessita che siano effettuate direttamente sul fondo del contribuente, perché il beneficio che da esse ne deriva potrebbe essere anche indiretto. “Pronunce che sgomberano il campo da ogni dubbio sulla legittimità dei tributi che emettiamo” commenta Riccardo Casilli, commissario del Valle del Liri “a fronte dei servizi e delle diverse attività di manutenzione, ordinaria e straordinaria, che il consorzio mette in campo per assicurare la bonifica idraulica e la sicurezza idrogeologica del territorio di competenza”.

Si paga anche se i benefici sono indiretti

“Sentenze – aggiunge il direttore del Valle del Liri, Tommaso Marrocco – che non mancheranno di indurre a una opportuna riflessione quanti meditano di ricorrere contro il pagamento del tributo. La loro, viste le recenti sentenze, sarebbe un’azione temeraria perché le spese di lite verrebbero addebitate ai ricorrenti, costringendo il consorzio a far rientrare l’importo aggiuntivo nella cartella di pagamento”. Dall’estratto di una sentenza tipo della Commissione si legge che “per la debenza dei contributi imposti dal consorzio di bonifica è sufficiente che i benefici e i vantaggi derivanti dalle opere siano generici e indiretti. Non è indispensabile che le opere siano state effettuate direttamente sul fondo per il quale si richiede il tributo, poiché anche un’opera eseguita su un fondo limitrofo può apportare vantaggi seppur indiretti”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    Visita guidata all'Abbazia di Casamari

  • Eventi

    Le rovine di Porciano e il brigante Gasperone

  • Cultura

    Anagni, visite guidate in città

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento