Ecco il decreto Rilancio: ci sono bonus, Rem e aiuti a fondo perduto per le imprese

"Un testo complesso con oltre 250 articoli: 55 miliardi, come due manovre, due leggi di bilancio". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, annunciando le misure approvate dal governo

Il decreto Rilancio presentato in serata dal Premier Conte è "un testo complesso con oltre 250 articoli: 55 miliardi, come due manovre, due leggi di bilancio". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, annunciando le misure approvate dal governo.

Nel testo - come riportato da today.it - che sarà pubblicato nelle prossime ore sono contenute molte delle anticipazioni di cui abbiamo parlato in questi giorni. Tra i principali interventi si annoverano:

  • l'introduzione del reddito di emergenza;
  • aiuti a fondo perduto e sconti fiscali;
  • rifinanziata la cassa integrazione che arriverà più velocemente;
  • bonus di 600 euro per gli autonomi ad aprile e maggio;
  • bonus vacanze di 500 euro per isee minore di 40mila euro;
  • cancellata la rata di giugno dell'Irap (l'imposta regionale sulle attività produttive) ;
  • stop alla prima rata Imu per alberghi e stabilimenti balneari;
  • stop alla tassa per l'occupazione di spazi e aree pubbliche;
  • da 2mila e 40mila euro di contributi per le imprese;
  • aiuto fino al 60% per il pagamento degli affitti;
  • cassa depositi e prestiti potrà intervenire per ricapitalizzare imprese in asset strategici;
  • un miliardo di euro destinato al florovivaismo, agriturismi e filiera del vino;
  • sconti per l'abbassamento delle bollette elettriche con il taglio dei costi fissi per portarle in linea con quanto effettivamente si è consumato;
  • bonus bici (per l'acquisto di biciclette o monopattini) fino 500 euro e 60% del costo;
  • fondi per la ricerca e l'assunzione di 4mila ricercatori e 78mila docenti;
  • ecobonus e sisma bonus esteso fino al 110%;
  • l'infermiere di famiglia (o di comunità) e investimenti in servizi domiciliari;

Regolarizzazione dei migranti, il ministro Bellanova si commuove

Approvata la sanatoria per la regolarizzazione temporanea dei migranti che lavorano in Italia. Viene regolarizzato chi ha un permesso di soggiorno scaduto, ovvero colf, badanti e lavoratori agricoli. 

Queste persone possono chiedere, senza un datore di lavoro che li accompagni, un permesso di soggiorno temporaneo. Se esibiscono un rapporto di lavoro passato in agricoltura, possono ricevere un permesso di lavoro per 6 mesi. Escluso dal beneficio chi ha subito condanne per caporalato, sfruttamento della prostituzione o immigrazione clandestina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le scarpe della Lidl vanno a ruba anche a Frosinone: sold out in pochi minuti

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Paliano, è morto l’imprenditore Umberto Schina

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Tentato omicidio in viale Mazzini, ecco cosa c'è dietro la tragedia di ieri notte

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento