Osservatorio Fnc su bilanci Srl: 'Nel Lazio la provincia in maggior sofferenza è Frosinone'

In caduta libera, nel primo semestre dell'anno domini Coronavirus, il fatturato delle aziende ciociare:-21.4%. In Italia, per il report di Consiglio e Fondazione nazionale commercialisti, bruciati 280 miliardi. Miani: 'Fondamentale una riforma fiscale'

L’Osservatorio sui bilanci delle Srl, nucleo di Consiglio e Fondazione nazionale commercialisti (Fnc), ha misurato l’impatto dell’emergenza Coronavirus sul fatturato delle aziende italiane (Spa e Srl) nel primo semestre del 2020. In un’Italia in cui sono stati bruciati 280 miliardi (-19.7%), purtroppo, la provincia di Frosinone (-21.4%) è quella che ha accusato maggiormente gli effetti della pandemia ed è più in sofferenza a livello regionale. A ruota Rieti (-20.8%), Viterbo (-18.9%), Latina (-18.1%) e Roma (-16.1%).

Perdita di fatturato nelle province

L’area metropolitana della Capitale, infatti, è tra quelle che hanno resistito meglio allo ‘tsunami’ economico, piazzandosi dietro a Siracusa (-13,7%) e Cagliari (-13,8%), e davanti a Genova (-16,5%) e Trieste (16,7%). Queste, invece, le province del Belpaese con le performance peggiori: Potenza (-29,1%), Arezzo (-27,2%), Fermo (-26,3%), Chieti (-25,8%) e Prato (-25,3%).

Perdita di fatturato nelle macroaree

Il Centro Italia (-18.3%), dal canto suo, sta meglio dei sofferenti Nord-Est (-21.3%), Meridione (-21.2%) e Nord-Ovest (-19.5%), ma non delle Isole (-17.6%). “Le differenze territoriali – evidenziano dall’Osservatorio Fnc - riflettono la diversa struttura produttiva territoriale, soprattutto la differente composizione del peso del fatturato proveniente dalle attività industriali e del commercio che esprimono il peso maggiore in termini di fatturato delle società di capitali italiane e che risultano essere anche le attività più interessate dal lockdown”.

Miani (Fnc): “Intervenire su versante fiscale e clima di sicurezza”

“Quella che emerge - commenta il presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani -  è una cifra impressionante che non può non destare enorme preoccupazione per il destino delle imprese italiane. Adesso è urgente intervenire per spingere la ripresa, sia con interventi di alleggerimento della pressione finanziaria sulle imprese, a partire dal versante fiscale, sia con interventi che rafforzino il clima di sicurezza generale e quello più specifico nei settori produttivi”.

Miani (Fnc): “No a intervento su Iva, sì a ecobonus al 110%”

“Non ci sembra appropriato - ritiene lo stesso Miani - l’eventuale intervento sull’Iva, oneroso per il bilancio pubblico ma molto poco stimolante per la ripresa di consumi e investimenti, mentre molto importanti appaiono gli interventi di stimolazione produttiva come l’ecobonus al 110%, a patto però che vengano lanciati velocemente in un quadro regolatorio il più chiaro e trasparente possibile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Miani (Fnc): “Fondamentale una riforma fiscale”

“Sarà fondamentale - conclude - disegnare nel medio periodo una riforma fiscale che completando il riequilibrio ormai interrotto tra la tassazione sul lavoro e quella sui consumi, riduca la pressione fiscale sul ceto medio e sui giovani, così da favorire sia un accrescimento del reddito spendibile da parte delle famiglie con figli, che hanno una più elevata propensione al consumo, sia incentivando la propensione a lavorare delle fasce più deboli e l’emersione del nero”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il giudice di Pace di Frosinone annulla le multe emesse durante la quarantena

  • Coronavirus, ecco come si è arrivati ai cinque nuovi positivi, dopo il periodo 'Covid free'

  • Valmontone, la banca gli chiede 14 mila euro, lui si oppone e vince una causa con 18 mila euro di risarcimento

  • Troppa fretta di venire al mondo e Noemi nasce nel letto di mamma e papà

  • Anagni, un boato e poi le fiamme invadono l'ex Polveriera

  • Beccati con il tachigrafo manomesso, ritirate tre patenti a degli autotrasportatori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento