Patrica, la Novamont amplia la capacità produttiva ed arriva a 150 mila tonnellate

L'azienda che da occupazione a 90 persone inizierà a produrre il nuovo materiale Mater-Bi

Dopo Terni, sito storico del gruppo Novamont, con una capacità produttiva di 110 mila tonnellate l'anno di bioplastiche compostabili MATER-BI®, Novamont avvia la produzione dei suoi biopolimeri compostabili anche nell’impianto Mater-Biopolymer di Patrica, in provincia di Frosinone, che consentirà di aumentare di 40 mila tonnellate tale capacità produttiva, dando così una risposta alla forte crescita della domanda di manufatti biodegradabili e compostabili.

L'ampliamento del sito di Patrica, oltre a migliorare l'efficienza produttiva e a permettere di rispondere prontamente alle richieste del mercato, consentirà anche di diversificare i siti produttivi del gruppo e di garantire una gamma di prodotti per le diverse applicazioni sempre più ampia e con un contenuto rinnovabile sempre più alto.

A Patrica, la produzione di MATER-BI® si affiancherà a quella già in essere di ORIGO–BI®, biopoliesteri di origine rinnovabile componenti del MATER-BI®. Lo stabilimento di Mater-Biopolymer di Patrica, che occupa direttamente 90 persone, è nato dalla riconversione dell’ex impianto di PET di Mossi & Ghisolfi, con un investimento di oltre 100 milioni di euro. Con una capacità produttiva di 100 mila tonnellate annue di ORIGO–BI®, grazie al nuovo processo il sito ha dimezzato i volumi rispetto alle produzioni “tradizionali” del passato, per ottenere prodotti con più alto valore e maggiore specificità.

Mater–Biopolymer è un impianto altamente efficiente, in grado di assicurare i requisiti di qualità, ambiente e sicurezza, dotato di un complesso sistema di utility che permette di minimizzare i costi e gli sprechi attraverso il recupero e la valorizzazione degli scarti, in un’ottica di economia circolare e sostenibilità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L'avvio della produzione del MATER-BI® nello stabilimento Mater-Biopolymer rappresenta un importante risultato  per il nostro gruppo ed è frutto del grande lavoro che abbiamo svolto in questi anni in termini di innovazione e di industrializzazione delle nostre tecnologie”, ha dichiarato Catia Bastioli, amministratore delegato di Novamont. "Questo ulteriore passo in avanti, ad un solo anno di distanza dall'inaugurazione della seconda linea per la produzione di biopoliesteri, consolida il nostro modello di rigenerazione territoriale e la nostra filiera integrata di bioeconomia, basata su nuovi impianti in siti deindustrializzati, su un'ampia gamma di bioprodotti concepiti per tutelare il suolo e l'acqua e su una rete fondamentale di collaborazioni e interazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il giudice di Pace di Frosinone annulla le multe emesse durante la quarantena

  • Coronavirus, ecco come si è arrivati ai cinque nuovi positivi, dopo il periodo 'Covid free'

  • Valmontone, la banca gli chiede 14 mila euro, lui si oppone e vince una causa con 18 mila euro di risarcimento

  • Troppa fretta di venire al mondo e Noemi nasce nel letto di mamma e papà

  • Anagni, un boato e poi le fiamme invadono l'ex Polveriera

  • Beccati con il tachigrafo manomesso, ritirate tre patenti a degli autotrasportatori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento