Torno subito, 6 mila ragazzi già partiti

Un biglietto di andata e ritorno per far rientrare nel Lazio giovani formati, con un curriculum di esperienze e confronto col mondo del lavoro. Entro marzo 2019 Il nuovo bando della Regione Lazio

Seimila giovani sono partiti e 3.200 sono già tornati, in cinque anni sono stati investiti 80 milioni di euro per finanziare i progetti tra enti, aziende, università e associazioni. Sono circa 4 mila i partner che li hanno sostenuti. Questi i numeri di “Torno Subito”, il programma della Regione Lazio rivolto a studenti, universitari, laureati – ma anche ai diplomati nei settori che riguardano il Cinema e l’Enogastronomico – tra i 18 e i 35 anni che vogliono migliorarsi e crescere per inseguire i loro sogni.

“Torno subito” fa parte del Programma Operativo Fondo Sociale Europeo Regione Lazio (POR FSE) 2014-2020 e rappresenta una sorta di biglietto di andata e ritorno che servirà a far rientrare nel Lazio giovani meglio formati, con un curriculum arricchito da esperienze professionali e dal confronto con un mondo del lavoro in cui è oramai necessario sapersi orientare a livello internazionale. Si tratta cioè di un intervento che prevede percorsi di alta formazione e di esperienze professionali, da realizzarsi in parte fuori dal Lazio, quindi in altre regioni italiane, in paesi europei sia della UE che extracomunitari, e in parte anche all’interno del territorio regionale.

“Torno Subito” è arrivato alla sua quinta edizione, che si è già conclusa con la partenza di quasi mille ragazzi, ma è prevista l’apertura di un nuovo bando entro marzo 2019. “Il successo di Torno Subito – spiega il vicepresidente e Assessore alla Formazione, Massimiliano Smeriglio – è nei numeri e nelle testimonianze restituite dai ragazzi che lo hanno intrapreso. Si tratta di una grande occasione di crescita focalizzata sul processo di rafforzamento del senso di autonomia e responsabilità di una giovane generazione. Una sperimentazione, che intendiamo in continuo divenire, del reddito al cittadino in formazione e di contrasto al fenomeno della cosiddetta fuga dei cervelli. In questo programma, infatti, la partenza è una scelta e non una necessità e il ritorno è una possibilità concreta, progettata con il sostegno di un’Amministrazione Pubblica”.

Qualcuno lo ha definito un patto tra la Regione Lazio e i suoi giovani. “Si parte, si cresce e si torna” è infatti il claim della campagna informativa. Ed effettivamente si tratta di un percorso che serve ai ragazzi ma è utile anche all'intero “sistema Lazio” per preservare e valorizzare le sue risorse migliori. Pronti quindi per la nuova edizione 2019.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutte le informazioni su www.tornosubito.laziodisu.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus, 147 nuovi casi in provincia di Frosinone. Positivo anche un dipendente comunale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento