menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giada Curti riceve il premio Forza 8 Piazza di Pietra 4

Giada Curti riceve il premio Forza 8 Piazza di Pietra 4

Roma, presentato lo studio, da team di Professori Universitari, per l’impatto economico che genererà l’indotto del Giubileo straordinario della Misericordia

Il Team di ricerca composto dai Proff.ri:  Giuseppe Ciccarone, Giovanni Di Bartolomeo,  Silvia Fedeli,  Massimiliano Tancioni tutti dell'Università  della Sapienza di Roma facoltà di Economia , ha analizzto l’impatto che genererà Il Giubileo...

Il Team di ricerca composto dai Proff.ri: Giuseppe Ciccarone, Giovanni Di Bartolomeo, Silvia Fedeli, Massimiliano Tancioni tutti dell'Università della Sapienza di Roma facoltà di Economia , ha analizzto l'impatto che genererà Il Giubileo straordinario della Misericordia, indetto da Papa Francesco, che avrà inizio l'8 dicembre 2015 e si concluderà il 20 novembre 2016. Lo studio svolto dalla Facoltà di Economia della Sapienza Università di Roma, in convenzione con la Camera di Commercio di Roma, mira a valutare l'impatto a breve e medio termine del Giubileo sul sistema economico romano utilizzando un modello macro-econometrico dell'economia della Provincia di Roma appositamente costruito a tal fine.

L'analisi fornisce risposte a due principali domande:

  1. Quale sarà l'impatto del Giubileo sul reddito dell'economia romana e sul mercato del lavoro?
  2. Quale sarà il suo impatto sul gettito fiscale e sul saldo tra maggiore spesa pubblica e maggiori entrate fiscali?

L'evidenza raccolta attraverso la simulazione econometrica può essere sintetizzata nel modo seguente.

  1. Le previsioni fornite dal modello indicano che il Giubileo contribuirà positivamente alla crescita dell'economia romana. Nei diversi scenari di previsione, gli incrementi percentuali cumulati del PIL tra il 2015 e il 2020 variano tra 2,1% e 2,4% rispetto allo scenario di controllo rappresentato dall'assenza dell'evento in questione, con la maggiore crescita concentrata negli anni 2016 e 2017. In tutti gli scenari di previsione, gli incrementi in termini assoluti tra il 2015 e il 2018vanno da quasi 11 miliardi di euro nello scenario pessimista a quasi 11,5 miliardi di euro in quello ottimista. Dopo una sostenuta accelerazione, che trova il suo picco all'inizio del 2017, la dinamica del PIL reale intraprende una discesa nei trimestri successivi.

  2. Il Giubileo genera effetti positivi anche sul mercato del lavoro in tutti gli scenari considerati: tra il 2015 e il 2020, si rilevano variazioni positive sostanziali in termini di aumento dell'occupazione, riduzione del tasso di disoccupazione e aumento dei salari reali rispetto al benchmark di riferimento. Le variazioni dell'occupazione indotte dal Giubileo risultano in crescita fino all'inizio del 2017, per mostrare successivamente una progressiva riduzione, fino al pressoché totale azzeramento nel 2020. Il picco massimo della crescita occupazionale, che in tutti gli scenari avviene alla fine del 2016, registra valori compresi tra 4.300 e 5.300 unità di lavoro equivalenti a tempo pieno (ULA). Coerentemente, l'andamento del tasso di disoccupazione mostra riduzioni sostenute nel 2015-17 e torna progressivamente al suo valore tendenziale nel 2020.
  3. L'effetto del Giubileo sulla dinamica inflazionistica dovrebbe essere invece decisamente limitato, con i prezzi al consumo in aumento, nei diversi scenari, tra lo 0,3% e lo 0,5% rispetto al benchmark.

  4. Riguardo all'impatto settoriale, si evidenzia uneffetto particolarmente significativo sulsettore dei servizi, che è quello maggiormente coinvolto nell'evento e che genera un aumento di prodotto che oscilla, nei diversi scenari, tra l'87,2% e l'87,4% del totale.
  5. Analizzando gli effetti del Giubileo sulle diverse componenti della domanda aggregata si evidenzia la rilevanza della componente pubblica nel trainare lo sviluppo del territorio in tutti gli scenari, nonostantesi siano fatte ipotesi molto prudenti relativamente all'intervento pubblico nella composizione degli scenari.

  6. Riguardo al settore pubblico, i consumi pubblici potrebbero aumentare negli anni considerati di quasi il 23% rispetto allo scenario di controllo. Gli investimenti pubblici aumentano invece soltanto nello scenario pessimista, mentre diminuiscono negli altri due. La tassazione diretta aumenta (tra lo 0,6% e lo 0,7%) in tutti gli scenari di previsionerispetto allo scenario di controllo, mentre quella indiretta diminuisce nello scenario basso (-0,4%) ma aumenta negli altri due (+0,1% nello scenario medio e +0,4% in quello alto).
  7. L'aumento cumulato delle entrate fiscali prodotto dal Giubileo, sempre misurato rispetto al benchmark, dovrebbe essere particolarmente significativo, spaziando da quasi 250 milioni di euro nello scenario basso a oltre 604 milioni di euro nello scenario alto. Dato che la maggiore spesa pubblica complessivamente ipotizzata nei vari scenari è pari a 588 milioni di euro, il soggetto pubblico subirebbe a causa del Giubileo un deficit fiscale pari a quasi 340 milioni di euro nello scenario pessimista e a quasi 161 milioni di euro nello scenario medio, ma riuscirebbe a ottenere un surplus di oltre 16 milioni di euro nello scenario ottimista. Ciò suggerisce di dedicare particolare attenzione alle misure di politica economica capaci di massimizzare gli afflussi turistici (sicurezza, sanità, corretta comunicazione delle misure introdotte, ecc.).

  8. Qualora il Giubileo della Misericordia producesse lo stesso effetto sulle presenze turistiche di quello del 2000, ipotesi ovviamentemolto improbabile, gli incrementi percentuali cumulati del PIL rispetto al benchmark raggiungerebbero il 2,5% già nel 2017,quando gli incrementi in termini assoluti sarebbero di oltre 11,7 miliardi di euro, l'87% dei quali nel settore dei servizi. Tra il 2015 e il 2018 l'occupazione aumenterebbe,nel suo picco massimo, a fine 2016, l'incremento sarebbe +0,35%(+6.160 ULA) e il tasso di disoccupazione si ridurrebbe del 2,9%. L'inflazione rimarrebbe molto bassa (prezzi al consumo in aumento dello 0,37% rispetto al benchmark). L'aumento cumulato delle entrate fiscali, sempre rispetto al benchmark, sarebbe pari al 37%, corrispondente a 832 milioni di euro, mentre il surplus fiscale aumenterebbe a 244 milioni di euro.

La ricerca completa sarà disponibile dal 13/07/2015 sul sito www.rm.camcom.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento