Roma, ue.coop traccia il percorso della nuova cooperazione per superare mafia capitale. Gian Carlo Caselli: “ripartire da etica e legalità”

“Il modello 231 è lo strumento più efficace per superare in fretta lo stato di crisi della cooperazione schiacciata, a Roma e nel Lazio, dal peso dei recenti scandali di Mafia Capitale”.

giampaolino caselli mattia

“Il modello 231 è lo strumento più efficace per superare in fretta lo stato di crisi della cooperazione schiacciata, a Roma e nel Lazio, dal peso dei recenti scandali di Mafia Capitale”. Così Aldo Mattia, presidente regionale di UE.Coop, ha introdotto i lavori del seminario promosso per diffondere la conoscenza del D. Lgs. 231/2001 che ha introdotto nel nostro ordinamento la responsabilità penale delle società e degli enti per reati commessi nel loro interesse oppure a loro vantaggio. Responsabilità che viene però esclusa qualora la cooperativa oggetto di accertamento risulti in regola con l’adozione del modello di controllo e gestione anticrimine. Un messaggio condiviso dal segretario generale della Camera di Commercio di Roma, Pietro Abate, che ha rilevato come “corruzione e illegalità distruggono l’economia e la coesione sociale”. Ad imprimere autorevolezza e forza al messaggio di rinnovamento etico della nuova cooperazione sono state le presenze di Luigi Giampaolino, presidente emerito della Corte dei Conti e da pochi mesi presidente nazionale di UE.Coop e di Gian Carlo Caselli, oggi presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio sulle Agromafie fondato da Coldiretti. “Oggi la legalità è vissuta quasi come un fastidio, ma in verità è un vantaggio, perché migliora la qualità del nostro vivere. Pensiamo a quante cose potremmo fare nel welfare – ha detto Caselli – se recuperassimo i 120 miliardi di euro di evasione, i 60 di corruzione e i 150 miliardi della criminalità mafiosa che ogni anno vengono sottratti all’economia legale del Paese”. Il modello 231, per quanto richieda aggiornamenti costanti per limitare al massimo il rischio di reati e di condotte criminose da parte di amministratori e dirigenti delle società, è un adempimento irrinunciabile per le cooperative, in particolare quelle del segmento agroalimentare, che puntano alla distintività etica e che fanno della trasparenza un punto di forza del loro operato amministrativo. UE.Coop, che ha promosso il seminario formativo, è la centrale operativa che assiste le realtà cooperativistiche affiliate Coldiretti. Le società aderenti sono 4.000 in Italia, 500 delle quali nel Lazio.

caselli e giampaolino caselli e mattia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento