menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paliano, la fortezza colonna nel libro di Tomani e Turriziani

Domani, sabato 26 settembre 2015, alle ore 17:30, nella Sala degli Arazzi di Palazzo Colonna, si terrà la presentazione del libro LA FORTEZZA COLONNA DI PALIANO TRA IL XVI E IL XIX SECOLO storia – armi – soldati - usanze - cronache – curiosità di...

Domani, sabato 26 settembre 2015, alle ore 17:30, nella Sala degli Arazzi di Palazzo Colonna, si terrà la presentazione del libro LA FORTEZZA COLONNA DI PALIANO TRA IL XVI E IL XIX SECOLO storia - armi - soldati - usanze - cronache - curiosità di UMBERTO ROMANI e MAURIZIO TURRIZIANI.

Un'accurata ricerca storica nell'Archivio Colonna depositato presso il Monumento Nazionale di Santa Scolastica in Subiaco ha portato gli autori a scoprire aspetti storico, sociali e militari della Fortezza Colonna di Paliano.

L'indagine è riferita, in particolare, al periodo in cui Paliano viene stabilmente ed ininterrottamente posseduto dalla Famiglia Colonna diventando il centro nevralgico e strategico della potenza militare colonnese (dal XVI al XIX secolo).

Numerosi ed inediti i documenti raccolti che testimoniano oltre all'aspetto militare, la vita, le usanze e le cronache del tempo.

Il ricavato del libro - che viene messo in offerta ad un prezzo simbolico di ? 10,00 - sarà devoluto interamente in beneficenza all'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

<<Con il libro di Umberto Romani e Maurizio Turriziani entriamo in uno dei luoghi più importanti, ma nello stesso tempo più nascosti e misteriosi, del nostro paese: la Fortezza Colonna>>. A sottolineare il valore del testo il Vice Sindaco con delega alla Cultura Valentina Adiutori: <<Come si viveva all'interno di quelle mura inaccessibili? Chi ci viveva e come era organizzata la giornata? Sono domande che trovano risposta nel materiale raccolto dai due studiosi locali: storie, documenti, usanze dell'epoca e cronache palianesi, insieme ad una mappatura che ricostruisce il territorio con i suoi ponti e baluardi. Al mio ringraziamento personale - dichiara l'Assessore Adiutori - si aggiunge quello dell'Amministrazione Comunale verso due autori che con serietà e metodo scientifico hanno portato avanti un minuzioso lavoro di ricerca, svolto su fonti e documenti dell'epoca che vengono mostrati per la prima volta al grande pubblico e che dimostrano le memorie di un passato illustre che non smette mai di sorprenderci>>.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento