rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cultura Boville Ernica

Boville Ernica, l’Olio dei Papi come modello di olio turismo e lotta allo spopolamento degli oliveti

L’importante proposta è arrivata da Alfredo D’Antimi, vicepresidente Associazione Nazionale Città dell’Olio, durante il convegno che si è svolto in aula consiliare

L’Olio dei Papi come modello di olio turismo e lotta allo spopolamento degli oliveti di queste bellissime zone”. È sicuramente questa la notizia più importante che emerge dal convegno svoltosi lo scorso fine settimana nell’aula consiliare del Municipio di Boville Ernica. La proposta è arrivata dal vicepresidente dell’Associazione Nazionale Città dell’OlioAlfredo D’Antimi. L’evento ha rappresentato l’ultimo appuntamento del Rural Idea Festival, organizzato dalla network ReLaTe Idea con il patrocinio dell’Amministrazione comunale e ha portato al centro del dibattito la coltivazione dei terreni e la produzione dell’olio di oliva secondo le antiche tecniche dello Stato Pontificio ma anche la ricerca storica e il marchio dell’Olio dei Papi come veicolo per esportare il prezioso prodotto in tutto il mondo e per fare turismo ecosostenibile. Per l’Amministrazione c’erano il sindaco Enzo Perciballi e i consiglieri comunali Martina Bocconi con delega al Turismo e Luigi Onorati con delega all’Ambiente e all’Agricoltura. Presenti in sala, oltre ai rappresentanti di varie associazioni e addetti ai lavori del territorio, c’era anche il vicepresidente D’Antimi. Collegati in videoconferenza hanno partecipato ai lavori anche Francesco Imbrici imprenditore agricolo, Salvatore De Meo parlamentare europeo e componente della commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, Patrizio Di Folco per Re.La.Te., Fabrizio Neglia per Copagri Frosinone e Claudio Sperduti sindaco di Maenza.

È stato illustrato l’ambizioso progetto dell’Olio dei Papi, si è parlato di turismo legato all’agricoltura, del rapporto con l’Associazione Nazionale Città dell’Olio che va consolidato e della importante iniziativa rappresentata dal progetto Rural che, fra circa 80 comuni in tutto il Lazio, ha coinvolto anche Boville. Il sindaco Perciballi ha ringraziato gli organizzatori e i rappresentanti presenti “perché – ha detto – queste sono opportunità per parlare del nostro territorio, del turismo e dell’olio, che è la nostra risorsa più importante” sottolineando la necessità di puntare sempre più su questo aspetto per lo sviluppo del territorio. Martina Bocconi, che sta curando il progetto insieme al primo cittadino e al collega Onorati, ha evidenziato come esso stia “prendendo piede” con evidenti riferimenti al “turismo esperienziale che rappresenta il futuro”.

Molto significativo l’intervento del vicepresidente Alfredo D’Antimi che ha portato i saluti delle Città dell’Olio insieme a Rocco Merucci. E a proposito del convegno lo ha definito “molto interessante e qualificato, durante il quale, insieme all’Amministrazione comunale abbiamo raccontato l’esperienza e la storia dell’Olio dei Papi che può diventare un modello di olio turismo e lotta allo spopolamento dei terreni olivetati di queste bellissime zone. Ringrazio il sindaco Perciballi per l’accoglienza e le proposte concrete su nuovi modelli di Piano di Sviluppo Rurale e sulla proposta di fare rete fra tutte le Città dell’Olio del frusinate cercando di implementare la rete di adesione alla nostra associazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Boville Ernica, l’Olio dei Papi come modello di olio turismo e lotta allo spopolamento degli oliveti

FrosinoneToday è in caricamento