Cultura

Cassino, l' ambasciatrice polacca Anders in comune per il progetto Centro Studi Internazionale dei Paesi della “Battaglia di Cassino"

E’ stato fatto il punto della situazione e stilato un cronoprogramma delle iniziative da intraprendere entro il prossimo ottobre

Incontro questa mattina per parlare del futuro progetto per fare del vecchio edificio dell’Onmi (Opera nazionale maternità ed infanzia), una volta ristrutturato e rimesso a nuovo, la sede di un Centro Studi Internazionale dei Paesi della “Battaglia di Cassino”.

Ricevuti dal sindaco, Enzo Salera, hanno partecipato l’Ambasciatrice di Polonia in Italia, Anna Maria Anders e, in rappresentanza del generale Fulvio Poli, il tenente colonnello dello Stato Maggiore dell’Esercito, Orlando Salvatore. Presenti altresì l’addetta dell’ambasciata polacca Eva Nadzieja, gli architetti Carlo Maria Sadich e Giacomo Bianchi, l’ex consigliere comunale Antoine Tortolano, gli addetti al gabinetto del sindaco, dott.Gianni Lena e la dott.ssa Aurora Laurenza.

E’ stato fatto il punto della situazione e stilato un cronoprogramma delle iniziative da intraprendere entro il prossimo ottobre.

A conclusione della riunione è stato concordato il testo di una lettera agli ambasciatori dei paesi belligeranti, funzionale alla creazione del Centro e ed alla realizzazione del progetto. Viene richiamato che la “battaglia di Cassino” è stata una delle più atroci e devastanti pagine della seconda guerra mondiale, che ha visto la Città meritare l’appellativo di “Martire” a causa delle ingenti perdite di uomini che hanno sacrificato la loro vita per la pace. Teatro di atroci sofferenze, culminate con la distruzione totale della città di Cassino, si vuole oggi ricordare quanti hanno combattuto per il bene comune.

“Pertanto - si legge - al fine di trasmettere in eredità il ricordo del sacrificio e del senso di abnegazione dei combattenti, è intenzione di questo Comune – d’intesa con l’Ambasciata della Repubblica di Polonia ed il Ministero della Difesa, nonché con il sostegno di ciascun governo che intenda partecipare, istituire un centro studi Internazionale, nel quale consentire una più profonda conoscenza della Battaglia di Cassino e ricordare, in tal modo, il contributo che l’esercito di ciascuna nazione ha dato per la liberazione dal regime.

Successivamente ci si è recati a Montecassino dove c’è stato l’incontro con l’Abate, Dom Donato Ogliari, cui è stata chiesta la disponibilità ad ospitare una conferenza cui parteciperanno ambasciatori e addetti militari dei Paesi i cui eserciti hanno combattuto a Cassino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cassino, l' ambasciatrice polacca Anders in comune per il progetto Centro Studi Internazionale dei Paesi della “Battaglia di Cassino"

FrosinoneToday è in caricamento