Cassino, Falese, la manifestazione continua a crescere e a cambiare pelle

Falese si candida ad essere un nuovo polo d’attrazione della città prestandosi da esempio, contemporaneamente, a modello di collaborazione fattiva tra le attività nell’interesse della crescita di tutti

Falese nasce per dare risposte alla crescente domanda d’intrattenimento di qualità della città di Cassino e del suo hinterland. Non solo la riqualificazione di una via quasi dimenticata, nonostante i pochi metri che la separano dalla centralissima piazza Labriola, ma l’intendo di offrire uno spazio di musica live diverso dall’offerta classica presente in città. Uno spazio dove far crescere artisti emergenti dei quali Cassino è ricca ma al contempo ospitare anche grandi nomi della musica. Lo slogan di quest’anno è stato

“Falese, l’isola che non c’era”: la crescita dell’evento nel tempo vuol evolvere verso un’“Isola delle meraviglie”, con il coinvolgimento di artisti sempre più affermati in un equilibrato mix con i talenti del territorio. È questo l’intento dell’organizzazione che mira a consolidarsi nel tempo come una realtà duratura che infonda cultura musicale e allarghi lo spettro dell’offerta della città. Falese si candida ad essere un nuovo polo d’attrazione della città prestandosi da esempio, contemporaneamente, a modello di collaborazione fattiva tra le attività nell’interesse della crescita di tutti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella settimana appena passata la grande data è stata quella di venerdì quando ospite dalla kermesse cassinate è stato Daniele Sepe, uno dei più interessanti sassofonisti del panorama Italiano, che ha suscitato grande entusiasmo tra il folto pubblico giunto per assistere all’evento che ha riscontrato un successo entusiasmante. Giovedì aveva invece visto protagonista Giorgio Lolli che ha incantato riadattando in acustico brani rock, blues e country, mentre sabato è stato caratterizzato dalle improvvisazioni irripetibili degli ‘Ivano lo cacciano’, Raffaele Rodia e Franco De Benedictis, che hanno chiuso più che degnamente la prima settimana settembrina che si attesta su ottimi indici di gradimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento