Cassino, tutto pronto per la presentazione del libro "E cosi lieve il tuo bacio sulla fronte" di Caterina Chinnici

L'evento rappresenta un appuntamento con un pezzo della storia italiana dei primi anni ‘80, tinta del sangue innocente di uno degli eroi antimafia, il giudice Rocco Chinnici, ammazzato appunto per mano mafiosa a Palermo

La collaborazione culturale tra l’Associazione “Carabiniere Marino Fardelli” con il Presidente Marino Fardelli, l’Ordine degli Avvocati di Cassino con il Presidente Gianluca Giannichedda e il “Civico Sociale-Trattoria della Legalità” con la responsabile Simona Di Mambro, presenta per Venerdi 25 ottobre presso Aula Magna dell’Università degli Studi di Cassino in località Folcara la presentazione del libro "E cosi lieve il tuo bacio sulla fronte" alla presenza dell'autrice Caterina Chinnici, Magistrato ed attualmente Eurodeputato e figlia del Giudice Rocco Chinnici ucciso dalla mafia con un’autobomba nell’estate del 1983 a Palermo. La presentazione del libro vuole essere l’occasione per ripercorrere quei tragici avvenimenti che hanno segnato la storia del nostro Paese raccontata ai ragazzi, ai giovani, agli studenti (che potranno partecipare facendo le domande all’autrice) per non dimenticare e comprendere i fatti che hanno interessato l’Italia intera.

La presentazione del libro rappresenta un appuntamento con un pezzo della storia italiana dei primi anni ‘80, tinta del sangue innocente di uno degli eroi antimafia, il giudice Rocco Chinnici, ammazzato appunto per mano mafiosa a Palermo. Bisogna fare un salto a ritroso nel tempo e risalire alla calda giornata d’estate del 29 luglio 1983, in cui alle ore 8:05 di mattina, una Fiat 126 di colore verde, imbottita di tritolo, esplode davanti l’abitazione del giudice Rocco Chinnici, in via Pipitone Federico. In quella calda mattina, non vedranno più la luce, oltre al magistrato Rocco Chinnici, il maresciallo dei Carabinieri Mario Trapassi, l’appuntato Salvatore Bartolotta, il portiere dello stabile Stefano Li Sacchi.

Alla presentazione del libro, partecipano il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Cassino prof. Giovanni Betta che farà gli onori di casa, la prof.ssa Enrica Iannucci Direttrice del Dipartimento di Giurisprudenza, la prof.ssa Mariolina Ciarnella Presidente nazionale Irase, il sindaco di Cassino Enzo Salera. Partecipano con un intervento i professori universitari Fulvio Pastore docente di Diritto Costituzionale, Giancarlo Scalesse Presidente del Corso di Laurea in Giurisprudenza, Luigi Di Santo Presidente del Corso di Laurea triennale in Servizi Giuridici. L’interessante giornata verrà moderata dalla giornalista di cronaca Angela Nicoletti.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rocco Chinnici fu il primo giudice che riconobbe la necessità di procedere alla istruzione del processo antimafia. E’ stato lui ad avere ideato per primo il Pool antimafia, i cui effetti, portati avanti da Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, determinarono l’indagare sugli interessi della mafia, gli interessi politici e gli interessi economici e stanare cosi “Cosa Nostra”.
Appuntamento per venerdi 25 ottobre alle ore 11.00 presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Cassino in località Folcara alla presenza di Caterina Chinnici. Saranno presenti tantissimi giovani studenti oltre alla presenza delle Autorità Civili e Militari di Cassino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e "4 Ristoranti" sbarcano a Frosinone

  • Paliano, violento frontale tra due auto, un ragazzo perde la vita (foto)

  • Frontale sulla Palianese, la morte del giovane Mattia lascia un vuoto incolmabile

  • Coronavirus, nuovo caso in una scuola ciociara: attivata la didattica a distanza

  • Il cuore di Willy spaccato a metà dalle troppe botte. Tre indagati per omissione di soccorso

  • Coronavirus, più tamponi e ben 31 casi in Ciociaria. D'Amato: 'Mantenere alta l'attenzione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento