Cinema,Presso la Ambasciata di Svizzera a Roma la presentazione di Locarno 70

La Ambasciata Svizzera a Roma ha ospitato, come di consueto, la presentazione nella Capitale del Festival del Film di Locarno, che quest’anno celebra un importante compleanno, ovvero i suoi primi 70 anni ! Alla presenza di centinaia di addetti ai...

foto straub

La Ambasciata Svizzera a Roma ha ospitato, come di consueto, la presentazione nella Capitale del Festival del Film di Locarno, che quest’anno celebra un importante compleanno, ovvero i suoi primi 70 anni ! Alla presenza di centinaia di addetti ai lavori, attori, attrici, registi e giornalisti, hanno preso la parola l’Ambasciatore di Svizzera in Italia, Giancarlo Kessler, il Presidente del Festival, Marco Solari, e il Direttore Artistico del Festival, Carlo Chatrian. La conferenza stampa di questa 70esima edizione si svolgerà a Milano a metà luglio, ma si può essere certi che si tratterà di una edizione importante, piena di nomi importanti. Uno di questi sarà Jean-Marie Straub, che sarà premiato con il Pardo d’onore Manor, venerdì 11 agosto nella meravigliosa e mitica Piazza Grande di Locarno. Straub, regista riconosciuto a livello mondiale per il rigore delle sue scelte e per la forza delle sue proposte, è un autore faro per generazioni di spettatori e registi. Classe 1933, in oltre sessanta anni di carriera Jean-Marie Straub ha (ri)scritto il cinema. Nato in Francia, vissuto in Germania e in Italia e oggi residente in Svizzera, Straub ha percorso il cinema con la compagna d’arte e di vita Danièle Huillet (1936 – 2006), confrontandosi con tre delle lingue nazionali svizzere. Sbocciato cinematograficamente come assistente sui set di Jean Renoir e Robert Bresson, Straub, insieme a Huillet, ha tracciato un solco nel cinema del Novecento ponendo al centro il reale e gli strumenti espressivi attraverso cui mostrarlo e comunicarlo: un cinema radicale, di rigore, dove il superfluo lascia spazio all’essenziale. Spesso coinvolgendo attori non professionisti, tavolozze ideali per un rapporto diretto con il testo, l’opera di Straub e Huillet è anti-spettacolare e profondamente politica, senza però scivolare nel propagandistico. Dopo l’esordio nel 1963 con il cortometraggio anti-militarista Machorka-Muff, nel 1967 il primo lungometraggio della coppia, Chronik der Anna Magdalena Bach, segna immediatamente quella che sarà la traccia della loro opera, in cui il cinema è letteralmente settima arte. Spesso “al servizio” di letteratura, teatro, musica e pittura, i film elaborano potenti riletture di capisaldi dell’arte quali Johann Sebastian Bach, Kafka, Mallarmé, Pavese, Brecht, Engels, Cézanne, D. W. Griffith e molti altri, ancorati a una rigida etica dello sguardo. Nel 1970 il film Les yeux ne veulent pas en tout temps se fermer, ou Peut-être qu'un jour Rome se permettra de choisir à son tour celebra una volta per tutte lo straniamento della recitazione nel loro cinema, in cui anche la finzione richiede e ottiene massima aderenza al reale, bandendo l’interpretazione e dunque il possibile equivoco. Da sempre molto legato al Festival, Straub ha regalato molti dei suoi film al pubblico di Locarno. Tra i titoli importanti nella sua carriera presentati al Locarno Festival ricordiamo il suo primo lungometraggio, Chronik der Anna Magdalena Bach, che è stato presentato nel 1968 nella programmazione principale; Antigone, mostrato nel 1992 in Piazza Grande e Kommunisten nel 2014 in Fuori Concorso. Carlo Chatrian, Direttore artistico del Locarno Festival: “Poter premiare l’opera e la figura di Jean-Marie Straub nella 70esima edizione del Festival è un onore particolare. Non solo per lo stretto rapporto che Straub e Huillet hanno avuto con il Locarno Festival, ma soprattutto perché i loro film occupano un posto imprescindibile nella storia del cinema moderno e hanno tuttora un’influenza innegabile su diversi registi. Spesso è stato usato il termine ‘rigore’ per parlare della loro pratica; rivedendo i loro film si sente anche quanta libertà palpita in ogni inquadratura – cosa di cui il cinema “digitale” ha un assoluto bisogno. I film di Straub e Huillet hanno molto da dirci, forse per questo le recenti retrospettive a loro dedicate, nel 2016 al MoMA di New York, al Centre Georges Pompidou di Parigi e a Madrid al Museo Reina Sofia, sono state così bene accolte. La presenza di Jean-Marie Straub a Locarno mi rende particolarmente orgoglioso e sono convinto che il pubblico gli tributerà quell’accoglienza che i grandi registi come lui meritano”. Fra i vincitori del Pardo d’onore nelle scorse edizioni vi sono Samuel Fuller, Jean-Luc Godard, Ken Loach, Sydney Pollack, William Friedkin, Jia Zhangke, Alain Tanner, Werner Herzog, Agnès Varda, Michael Cimino, Marco Bellocchio e, nel 2016, Alejandro Jodorowsky. Da quest’anno il Pardo d’onore è sostenuto da Manor. Jean-Marie Straub riceverà il Pardo d’onore Manor in Piazza Grande la sera dell’11 agosto. La 70esima edizione del Locarno Festival si terrà dal 2 al 12 agosto 2017. (fonte ufficio stampa Locarno 70) fv

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cassino, stroncato da un malore a 48 anni, era in quarantena. Resa nota l'identità della vittima

  • Torna la Coop a Frosinone: giovedì 29 ottobre l'inaugurazione

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Cassino, positivo al Covid ma lo scoprono dopo morto. Portato via con il montacarichi

  • Coronavirus, muore Pino Scaccia. L'addio di Vacana: ‘In Ciociaria lo avevamo premiato un mese fa’

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento