Martedì, 18 Maggio 2021
Cultura

Coronavirus, le raccomandazioni della comunità monastica di Montecassino

"Facciamo in modo che le restrizioni a cui dobbiamo attenerci ci spingano a rinverdire gli affetti e a riscoprire la gioia di relazioni familiari non superficiali o routiniere, con un occhio di particolare riguardo per le fasce più deboli e fragili"

L' Ab. Donato Ogliari e la comunità monastica di Montecassino in una nota ufficiale conferma che, contrariamente a quanto comunicato qualche giorno fa, il 21 marzo non si terrà la S. Messa delle ore 10.30 vista l'emergenza nazionale per il Coronavirus.

"Di fronte all’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus, la comunità monastica di Montecassino recepisce e condivide la preoccupazione della Chiesa che è in Italia affinché tutti affrontino tale emergenza con vivo senso di responsabilità, attenendosi alle direttive del Governo e alle misure restrittive da esso emanate sulla base di indicazioni provenienti dalla comunità scientifica. Nello stesso tempo essa esorta a mantenere deste la fiducia e la speranza, e a impedire che la paura prenda possesso del nostro cuore, del nostro sguardo, delle nostre parole e dei nostri gesti.

Il diminuire e, in alcuni casi, il venire meno della normalità quotidiana sia vissuto come un incentivo a volgere lo sguardo alle cose essenziali rispetto alle tante cose effimere che la frenesia del fare o la ricerca affannosa del superfluo portano con sé.

Facciamo in modo che le restrizioni a cui dobbiamo attenerci ci spingano a rinverdire gli affetti e a riscoprire la gioia di relazioni familiari non superficiali o routiniere, con un occhio di particolare riguardo per le fasce più deboli e fragili.

Lasciamo altresì che il silenzio, il raccoglimento, la riflessione, la concentrazione e la preghiera ritrovino quello spazio di fecondità e di vita che a loro compete, e che forse da qualche tempo è stato eluso. La stessa mancanza della celebrazione della S. Messa feriale e festiva, imposta dall’attuale congiuntura, diventi un’occasione propizia per riscoprire il gusto della Parola di Dio, e per accrescere il desiderio della partecipazione al mistero eucaristico, sorgente dalla quale attingere luce e forza per amare il Signore e il nostro prossimo e per offrire la nostra bella testimonianza nei solchi della storia.

In questo tempo di emergenza sanitaria la Comunità monastica di Montecassino assicura la sua diuturna preghiera per la Chiesa e per il mondo, in particolare per quei fratelli e quelle sorelle che più aspramente stanno lottando con l’epidemia in corso, e per tutti gli operatori sanitari e non che si stanno spendendo con abnegazione per il bene comune. Tutti affidiamo all’intercessione dei Ss. Benedetto e Scolastica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, le raccomandazioni della comunità monastica di Montecassino

FrosinoneToday è in caricamento