Esce in sala Hotel Transylvania 2

Anche i figli dei vampiri crescono, si innamorano e fanno dei bambini. Non è la trama della saga di Twilight ma quella del secondo episodio di Hotel Transylvania, film di animazione Sony, con produttore esecutivo Adam Sandler.

Anche i figli dei vampiri crescono, si innamorano e fanno dei bambini. Non è la trama della saga di Twilight ma quella del secondo episodio di Hotel Transylvania, film di animazione Sony, con produttore esecutivo Adam Sandler.

In questo secondo episodio il conte Dracula, gestore dell'hotel per mostri e ora anche per umani, insieme a Frankenstein, la mummia, l'uomo lupo e l'uomo invisibile, si troverà ad avere a che fare con un nuovo arrivato: il figlio avuto da Mavi, figlia di Dracula con l'umano Jonathan.

Il piccolo Dennis infatti non mostra di essere un mostro fino ai cinque anni, provocando grande sconforto nel nonno, che cercherà di far uscire, con l'aiuto degli amici, il vampiro interiore del bimbo.

Dopo il grande successo del primo episodio, la Sony ha realizzato la seconda parte (e si aspetta la terza) di Hotel Transylvania, film con i mostri protagonisti ma in formato adatto ai bambini e adolescenti. Il film strizza l'occhio agli adolescenti perchè mette in scena una fase più complicata della vita di ognuno, che implica il costruire una famiglia e avere dei figli, oltre che dei nonni che si prendano cura di loro. Ma quando i nonni si aspettano che i nipoti siano ciò che non sono le cose si complicano.

Tra le varie avventure, alcune molto spassose, che Drak e i suoi amici devono affrontare per cercare di far uscire il vampiro nascosto nel piccolo Dennis, ci sono anche l'accettazione, per alcuni adulti impossibile, del cambiamento dei tempi.

Così ad esempio accettare che il campo estivo per vampiri sia diventato meno verace, ma più sicuro e anche che ora, con la benedizione della casa produttrice del film, che produce anche tecnologia, buona parte della vita è sui social network e la comunicazione è prevalentemente via smartphone.

C'è anche un discorso accennato su uno degli argomenti più trattati ultimamente negli Stati Uniti, la diversity, ossia l'importanza di capire che ormai qualsiasi società è multiculturale e multirazziale, e in questo modo va accettata, ma che rimane solo accennato, forse perchè troppo a rischio di fraintendimento.

Adam Sandler, ormai massacrato da critica e pubblico nei suoi film live action, qui ,nella versione originale, presta la voce a Drak e Mel Brooks a quella del vecchissimo padre di Drak, Vlad. Nella versione italiana la voce di Vlad è quella di Paolo Villaggio, un altro personaggio lontano dalle telecamere da molto tempo.

Il film esce in sala il prossimo 8 ottobre.

Alice Vivona

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Frosinone "quando nevicherà?" Cosa dicono le previsioni meteo

  • Giovane infermiera muore nel sonno, familiari e colleghi sotto choc

  • Coronavirus, la Ciociaria ed il Lazio in zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Tanta acqua e poco carburante nelle cisterne: denunciato titolare di un distributore (video)

  • Neve in Ciociaria, a Frosinone ed altri comuni chiuse le scuole lunedì 18

  • Coronavirus in Ciociaria: il bollettino di giovedì 14 gennaio. Lazio ormai avviato alla zona arancione

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento