Cultura

Esce in sala La La Land, recensione

E' forse il film del 2016 più atteso nel 2017, nel nostro paese. Si è iniziato a parlarne, in toni più che entusiastici, a partire dallo scorso Festival di Venezia, che si conferma essere un buon palcoscenico per i possibili candidati agli Oscar...

E' forse il film del 2016 più atteso nel 2017, nel nostro paese. Si è iniziato a parlarne, in toni più che entusiastici, a partire dallo scorso Festival di Venezia, che si conferma essere un buon palcoscenico per i possibili candidati agli Oscar, in cui venne accolto dalla critica come una specie di miracolo.

La La Land è un film che parla di cinema così come ne parlava a suo tempo Cantando sotto la pioggia: con l'amore e soprattutto la passione di chi ogni giorno cerca di entrare nello "showbiz" o che già ci si trova dentro, con tutte le difficoltà e le bellezze che ne conseguono.

E' poi un film che evidentemente ha come argomento principale l'amore. Ma il discorso non si esaurisce solo con la storia d'amore tra i protagonisti, il film è anche un inno all'amore per se stessi, per le proprie passioni e sogni e sul cercare di perseguirli.

Tenta di prendere una strada diversa dalla solita guerra tra amore e carriera, di cui il regista aveva già trattato, con una posizione diversa, nel suo precedente film.

Sebastian e Mia si ameranno per sempre, ma sanno anche di essere due individui con le loro ambizioni da soddisfare.

La consacrazione di La La Land come film dell'anno è iniziata a dicembre con la vittoria di 8 Golden Globes, i premi più importanti assegnati dalla stampa estera negli Stati Uniti, e ora pochi giorni fa con 14 candidature agli Oscar, tra cui miglior film, miglior regia, miglior attore e attrice, miglior canzone, in cui figurano due brani cantati in questo moderno musical classico. E' invece una conferma Damien Chazelle, regista 32enne che già l'anno scorso era in competizione con il più scuro, ma sempre musicale Whiplash.

Come in molti hanno sottolineato, il film di Chazelle dichiara con forza che vale ancora la pena andare al cinema e farsi avvolgere dai colori di Los Angeles, dalle canzoni e dai sogni. Di tutti i film recenti su Hollywood e sulla fama, ultimi in serie Maps to the stars e Neon Demon, quest'ultimo ha in comune con La La Land la saturazione quasi fluo delle scene, il film con Emma Stone e Ryan Gosling è più lieve, positivo e ottimista. Si può sognare la celebrità in maniera leggera, come una danza tra le stelle.

Alice Vivona

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esce in sala La La Land, recensione

FrosinoneToday è in caricamento