Ferentino, celebrato il 50° anniversario della visita di papa Paolo VI

Con una cerimonia impeccabile e curata nei minimi particolari, la città di Ferentino ha ricordato uno degli avvenimenti più significativi della sua storia recente: il cinquantesimo anniversario della visita di Papa Paolo VI del 1 settembre 1965.

inaugurazione largario

Con una cerimonia impeccabile e curata nei minimi particolari, la città di Ferentino ha ricordato uno degli avvenimenti più significativi della sua storia recente: il cinquantesimo anniversario della visita di Papa Paolo VI del 1 settembre 1965.

Un evento realizzato grazie al lavoro di un comitato istituito dall’Amministrazione comunale, di concerto con la diocesi di Frosinone-Veroli-Ferentino e composto da Monsignor Giovanni Di Stefano, Vicario della Diocesi; Luigi Sonni, Presidente Pro–Loco Ferentino; Roberto Cocco, insegnante Lettere Scuola Media Ferentino e Gianfranco Fiorini, segretario.

Alla presenza del cardinale Giuseppe Bertello, Governatore dello Stato della Città del Vaticano, del vescovo diocesano mons. Ambrogio Spreafico, del prefetto di Frosinone Emilia Zarrilli, del dott. Quirino Briganti, in rappresentanza della Regione Lazio, e di diverse autorità civili, militari e religiose, il sindaco Antonio Pompeo ha scoperto la lapide con la quale è stato intitolato al Beato Paolo VI il Largo nei pressi del duomo cittadino.

Non solo: ha fatto da corollario alla manifestazione la presentazione di un volume dal titolo “Un povero cristiano” composto da contributi originali commissionati a celebri vaticanisti e storici che ricordano l’avvenimento e il legame con Celestino V. Un testo che in prefazione presenta i saluti del sindaco Pompeo e del governatore della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il cui progetto grafico ed editoriale è stato ideato da Antonio Poce, mentre Luciano Di Stefano ha messo a disposizione la documentazione fotografica relativa alla giornata del 1° settembre 1966 e che si è avvalso del contributo nella ricerca dei documenti di Luigi e Averardo Di Tomassi

In conclusione, un apprezzato momento musicale in collaborazione con il Conservatorio Licinio Refice e l’associazione Cesare Sterbini, che ha visto l’esibizione del soprano Eleonora Caliciotti, di Giovanni Fontana e dell’ensemble di Ottoni dell’Orchestra di Fiati città di Ferentino, diretta dal maestro Alessandro Celardi e un concerto strumentale con musiche di Giuseppe Agostini, Antonio D’Antò, Antonio Poce e Luca Salvadori.

“La visita di Papa Paolo VI a Ferentino nel 1965 – ha spiegato il sindaco Pompeo - costituisce uno degli avvenimenti più importanti della storia della nostra città. Andava celebrato in maniera idonea, così come la ricorrenza del cinquantesimo anniversario imponeva e così come abbiamo fatto in collaborazione con la diocesi, il vescovo Spreafico e diverse realtà associative locali”.

“Una cerimonia semplice ma suggestiva, arricchita dalla partecipazione del Cardinale Giuseppe Bertello che ci ha fatto l’onore di presenziare a Ferentino, dalla stampa di un volume che ricorda l’avvenimento, con l’esibizione di talenti musicali del nostro territorio e che rappresenta un ulteriore momento di valorizzazione della nostra storia e dei suoi passaggi più significati”.

“Un ringraziamento – ha concluso il sindaco Antonio Pompeo – non solo ai presenti, ma soprattutto a coloro che in questi mesi hanno lavorato per l’ottima riuscita dell’iniziativa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alessandro Borghese e “4 ristoranti” in Ciociaria: ecco la data della puntata

  • Morte Ennio Marrocco, arrestato per omicidio stradale il conducente della BMW

  • Scontro frontale in via Appia, giovane padre muore sul colpo

  • Gravissimo incidente in A1, tir fuori controllo investe operaio e si sfiora la strage

  • Giovane carabiniere colleferrino trovato morto in caserma nel nord Italia

  • Cassino, lo straziante addio ad Ennio Marrocco. Domiciliari per l'autista della Bmw

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento