Sabato, 25 Settembre 2021
Cultura

Frosinone, la sana disobbedienza. Incontro con Michele Cucuzza e Luigi di Cicco

Con gli studenti del II Istituto Comprensivo si sono affrontati i delicati temi della lotta alla criminalità organizzata e della formazione di una coscienza etica giovanile

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FrosinoneToday

"La sana disobbedienza" di Barbara Turriziani . Sabato 17 marzo presso l’Auditorium del Conservatorio ‘L. Refice’, per la cortese ospitalità del Direttore, M° Alberto Giraldi, si è svolto l’incontro dibattito, organizzato dal II Istituto Comprensivo di Frosinone diretto dalla prof.ssa Mara Bufalini, con l'autore e il protagonista di “Gramigna, volevo una vita normale”, il giornalista Michele Cucuzza e il signor Luigi Di Cicco, nel quale si affrontano i delicati temi della lotta alla criminalità organizzata e della formazione di una coscienza etica giovanile attraverso gli occhi del personaggio principale, il figlio del boss Diego Di Cicco e del suo deciso rifiuto a seguire un percorso già tracciato dalla sua famiglia, fatto di violenza, corruzione e spietatezza. Una storia vera, un esempio di una coraggiosa e perentoria svolta in favore della legalità, dell'onestà che rende veramente liberi.

Progetto 'Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti'

L’incontro si è svolto nell’ambito del Progetto 'Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti', giunto al suo nono anno, promosso da Unicef Italia, in sinergia con il MIUR per la conoscenza e l’attuazione della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Gli studenti della scuola media Luigi Pietrobono, già da tempo aderente al programma - sotto l'egida dei comitati regionale e provinciale dell'Unicef, rappresentati dai rispettivi Presidenti, avv. Antonio Gargaruti e dott.ssa Lucia Favilla, nonché di Libera, l’associazione contro le mafie creata da Don Ciotti rappresentata dal Presidente provinciale Walter Bianchi - hanno partecipato alla coinvolgente matinèe con gli autori di quello che è già un fenomeno letterario, trasposto anche sul grande schermo per la regia di Sebastiano Rizzo e candidato ai David di Donatello 2018.

Gli interventi e la preparazione del dibattito

La mattinata, grazie anche all'affabilità e alla simpatia dei protagonisti, si è svolta in un clima di acuta partecipazione del giovanissimo uditorio. Un plauso e un grazie di cuore dunque a chi ha sostenuto e mirabilmente curato nei dettagli il simposio, come sottolineato dall’intervento della Dirigente Prof.ssa Mara Bufalini: le professoresse Cinzia Turriziani, moderatrice del dibattito, Graziella Frasca, Marzia Maceroni, Rita Malangone, Barbara Mastrantoni, Assuntina Paniccia, Concettina Paris, Monica Scorpio e Laura Veneziale che insiema alla dinamica Vicepreside, prof.ssa Giulia Pica, hanno meticolosamente preparato gli alunni all’incontro armonizzando gli interventi.

Entusiasta adesione dei giovani

Entusiasta - come simpaticamente evidenziato anche da Luigi Lunghi, in rappresentanza della casa editrice Di Cosmo - è stata infatti l’adesione dei giovani, i quali hanno accolto gli autori con il frutto dei loro studi sui temi esaminati - articoli giornalistici, cartelloni, ricerche, opere grafiche. Michele Cucuzza e Luigi di Cicco con grande cordialità e sincero trasporto non si sono risparmiati approfondendo i temi emersi dalle numerose domande ed ovviamente posando per tutte le foto ricordo e firmando fino all’ultimo autografo in un clima di affettuosa condivisione che rimarrà impresso nei ricordi e che testimonia ancora una volta l’assoluto valore delle iniziative di approfondimento intellettuale ed etico promosse dal II Istituto Comprensivo di Frosinone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frosinone, la sana disobbedienza. Incontro con Michele Cucuzza e Luigi di Cicco

FrosinoneToday è in caricamento