Grande successo di partecipazione alla "73ª Sagra dell'Uva" di Zagarolo

La 73ª “Sagra dell’Uva” di Zagarolo sarà ricordata soprattutto per gli splendidi allestimenti delle osterie distribuite dal Borghetto a Via Calandrelli.

La 73ª “Sagra dell’Uva” di Zagarolo sarà ricordata soprattutto per gli splendidi allestimenti delle osterie distribuite dal Borghetto a Via Calandrelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piazzette e vicoli sono stati protagonisti di un ritorno al passato con esposizioni di oggetti e mezzi d’epoca, il tutto legato al mondo della vendemmia e del vino. Non sono mancate manifestazioni sportive, mostre fotografiche ed osterie che ripercorrevano, attraverso manichini, il lavoro del contadino nei vigneti e il processo che trasforma l’uva in vino. Sono stati 15 in tutto gli stand, collegati ognuno ad un’associazione locale, trasformati in osterie: ognuno di essi con una particolarità, un proprio menu e uno spettacolo di musica dal vivo. Immancabile la sfilata storica con carri allegorici, cavalli, popolane e contadini d’epoca. La 73ª “Sagra dell’Uva” è stata, inoltre, una manifestazione sostenibile con un basso impatto ambientale: tutte le osterie hanno utilizzato materiale Mater-Bi per facilitare la raccolta dei rifiuti. “Nonostante il clima non ci abbia favorito, abbiamo avuto un ottimo riscontro di pubblico – spiega il primo cittadino Lorenzo Piazzai. – Vedere passeggiare migliaia di persone nel centro storico di Zagarolo ha un sapore unico, una vera e proprio soddisfazione per aver raccontato le nostre tradizioni ed averle condivise attraverso le nostre associazioni. Una menzione al Comune di Cave e alla sua Pro Loco che abbiamo ospitato per far conoscere i prodotti tipici del nostro territorio. Appuntamento al prossimo anno, dunque: abbiamo in mente già alcune idee per rendere ancora più particolare e caratteristica la Sagra dell’Uva”. “È stata una Sagra che si aperta nel migliore dei modi con la consegna degli attestati di ringraziamento alle associazioni che hanno collaborato agli eventi dedicati ad Amatrice – aggiunge Emanuela Panzironi, Assessore alla cultura di Zagarolo. – Proprio la tematica della solidarietà e dell’inclusione è stata alla base dell’organizzazione di questo evento patrocinato dal Consiglio Regionale del Lazio. Da parte mia e dell’Amministrazione comunale vada alla Pro Loco di Zagarolo, alle associazioni locali, all’Istituzione Palazzo Rospigliosi, agli uffici comunali, alla Protezione Civile, alla Croce Rossa, all’Associazione Nazionale Carabinieri, al Comando della Polizia Locale, all’Arma dei Carabinieri di Zagarolo e a tutti gli sponsor un sentito ringraziamento per aver contribuito alla realizzazione di una Sagra innovativa che segna un solco profondo con le edizioni passate”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus in Ciociaria, record di tamponi e boom di casi: 63 in 29 Comuni. Positivi anche tre studenti e una maestra

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Cassino, commerciante beve acido muriatico e rischia di morire

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento