Il film "Maria per Roma" in sala il prossimo 8 giugno . Recensione

Una ragazza e il suo cane affrontano in Vespa una giornata romana come tante, rincorrendo passato e futuro in un presente incerto e surreale. Tanti personaggi compongono questo caotico affresco della città di Roma, con le sue solitudini estrose e...

unnamed-62

Una ragazza e il suo cane affrontano in Vespa una giornata romana come tante, rincorrendo passato e futuro in un presente incerto e surreale. Tanti personaggi compongono questo caotico affresco della città di Roma, con le sue solitudini estrose e frammentate, con i suoi luoghi di incanto che ospitano turisti e romani in una frenesia che troppo spesso si traduce in immobilità... Mentre la Città Eterna nella sua magnificenza, disinteressata, osserva i suoi abitanti trarre dal turismo gli ultimi frutti della sua vecchia gloria.

All'ultima Festa del cinema di Roma si è parlato molto di questo piccolo film, un esordio alla regia, oltretutto femminile, come di un caso.

Il paragone con “Lo chiamavano Jeeg Robot”, sempre presentato alla Festa però l'anno precedente è forse azzardato per questioni di tema e obiettivi, ma in comune si ritrova la voglia di raccontare una storia su Roma che evada dalle grandi bellezze del centro storico o dalle grandi bruttezze delle periferie e zone limitrofe.

La protagonista, Maria, è infatti una donna in lotta per la sua affermazione, come attrice, in una città dove è molto complicato fare ciò che si desidera veramente, ma bisogna conquistarlo, facendo compromessi e capitomboli, affrontando delusioni e illusioni, e trovando intanto di cosa campare.

In questo caso Maria fa la key holder, ossia colei che porta le chiavi degli appartamenti in affitto ai turisti in visita nella capitale.

Oltre a Maria e alla città di Roma, gli altri protagonisti del film sono i romani, di tutte le classi: c'è, ad esempio, la decadenza della nobiltà romana che affitta i propri appartamenti con vista su Piazza Navona, nei quali ci sono sedie napoleoniche su cui però non ci si può sedere, o ci sono signore alto borghesi che abitano nelle case che affittano, e che lasciano libere andando non si sa dove quando sono richieste dai turisti.

Oppure ci sono i colleghi di Maria, che la regista usa come metafora sul proprio lavoro; alcuni che sono impegnati in lavori ben più remunerativi che permettono loro di fare l'attore precario, e quelli che avevano le capacità per affermarsi ma che preferiscono fare gli artisti di strada.

I turisti sono poi analizzati con occhio autoctono, comprensibile da chi ogni giorno vede masse di persone troppo pallide per il sole romano vagare per i vicoli di Trastevere, e che spesso, forse perchè travolte dal caos organizzatissimo della città, dimenticano le capacità razionali che normalmente sono in possesso di una persona adulta e che includono il non perdere le chiavi di casa, sapere come attivare una lavastoviglie, trovare la strada di casa.

Nella semplicità della storia e del caos quotidiano messo in scena dalla Di Porto, ci si riconosce un po' tutti, soprattutto se si è in quella fase della vita in cui ancora si cerca fortemente un'affermazione, nonostante tutto.

Il film esce in sala il prossimo 8 giugno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alice Vivona

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, muore il costruttore Gabriele Cellupica: Sora sotto choc

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Picinisco, accoltellato un operaio mentre lavorava nel cantiere per il ripristino della frana

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

  • Coronavirus in Ciociaria, tamponi rapidi a 22 euro: autorizzati per ora 16 laboratori privati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento