In sala il quarto film di Xavier Dolan: Tom à la ferme

Tom, un giovane copywriter canadese, si reca al funerale del suo fidanzato, nella campagna del Quebec. Lì scoprirà che la madre del ragazzo deceduto non sa nulla della loro relazione che il prepotente fratello maggiore gli impone di mantenere...

Tom à la ferme_11

Tom, un giovane copywriter canadese, si reca al funerale del suo fidanzato, nella campagna del Quebec. Lì scoprirà che la madre del ragazzo deceduto non sa nulla della loro relazione che il prepotente fratello maggiore gli impone di mantenere segreta.

Tra i due nascerà un rapporto di dipendenza e sopraffazione che verrà sbloccato solo dall'arrivo di una ragazza.

Quarto film per il regista fenomeno di questi ultimi anni. Esce a tre anni di distanza dalla sua presentazione al Festival di Venezia, il quarto film di Xavier Dolan, ventisettene autore canadese qui anche protagonista.

Questo film segna un cambiamento dalla “trilogia dell'amore impossibile” dei film precedente (J'ai tué ma mère, Heartbeats e Laurence Anyways) per deviare sul thriller psicologico.

Vengono introdotte alcune scelte stilistiche che caratterizzeranno per intero l'ultimo film del regista, Mommy, in cui il formato del film è una fessura verticale in cui i protagonisti si muovono quasi claustrofobicamente. In questo film, nel climax in cui Tom si rende conto che è finito in una trappola, lo schermo si restringe su di lui, chiudendolo nell'inquadratura così come il fratello del suo fidanzato lo sta chiudendo in quella fattoria.

Il rapporto morboso sembra avere la meglio su Tom, che vede nel fratello una reincarnazione del suo amore, mentre sono toccanti le scene con la madre, ignara, ma che probabilmente non avrebbe accettato la relazione, in cui Tom rivela quanto amore ci fosse tra lui e suo figlio, senza parlare di se stesso. Il vortice verrà interrotto da un deus ex machina, un'amica, che riporterà Tom alla realtà e fuori dalla fattoria.

Il film viene distribuito in poche sale selezionate dal 7 luglio, in lingua originale, il dialetto del Quebec che mischia il francese all'inglese ad un dialetto locale, con sottotitoli in inglese. A Roma lo si può vedere alla sala Farnese, al cinema Lux e al cinema Madison.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alice Vivona

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Cassino, due quindicenni pestati a sangue dai bulli per gelosia

  • Coronavirus a non finire: in Ciociaria ben 100 dei 795 casi del Lazio. D'Amato: 'Siamo a un livello arancione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento