Martedì, 26 Ottobre 2021
Cultura

In sala Life-Non oltrepassare il limite. Recensione

Life –Non oltrepassare il limite è un thriller/horror su un team di scienziati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale in missione per una spedizione di ricerca. La squadra si ritrova a fronteggiare una delle più grandi paure primordiali...

Life -Non oltrepassare il limite è un thriller/horror su un team di scienziati a bordo della Stazione Spaziale Internazionale in missione per una spedizione di ricerca. La squadra si ritrova a fronteggiare una delle più grandi paure primordiali dell'uomo: una specie vivente in rapida evoluzione che ha causato l'estinzione di ogni forma di vita su Marte ed ora minaccia la loro sopravvivenza e quella dell'intero pianeta Terra.

Dal 23 marzo è in sala un nuovo film di fantascienza che si mette a metà strada tra Alien e Gravity: intrattenimento e scienza. A testimoniare quanto la scienza sia parte integrante del film, l'anteprima romana ha avuto luogo presso l'Agenzia Spaziale Italiana, luogo da cui è partito Paolo Nespoli, astronauta che a breve si troverà sulla Stazione Spaziale Internazionale che è il set principale del film.

Il motore della storia del film di Daniel Espinosa è il sogno classico del viaggio nello spazio: trovare altre forme di vita aldifuori della Terra.

Quando il team internazionale di astronauti (tre americani, un inglese, una russa, un giapponese) trova una cellula congelata tra i detriti di terreno di Marte, la notizia genera entusiasmo sulla Terra e immediato affetto sulla navicella. Alla piccola forma di vita viene anche dato un nome: Calvin, simpatico, rassicurante.

Dopo poco però Calvin si rivela essere un nemico letale per il team, che si trova combattuto tra scelte drammatiche ed errori grossolani, che poco servono a mettere fuori uso l'essere impegnato a diventare sempre più forte e straordinariamente intelligente.

Ambientazione claustrofobica, come nella navicella del primo Alien di Ridley Scott, azione che si sviluppa in cunicoli, ambienti stretti con visuale ridotta e poche vie di fuga che contrastano con l'orizzonte infinito dello spazio.

Il film ha alcune difficoltà a trovare una linea originale, è più che evidente il riferimento ai film che lo hanno preceduto, dai quali si distingue però per la definizione del nemico: incomprensibile e apparentemente invincibile.

Gli effetti visivi sono l'elemento più appagante della pellicola: Jake Gyllenhall, insieme con Rebecca Ferguson e Ryan Reynolds galleggiano letteralmente per i 105 minuti di film nella completa assenza di gravità, e hanno a che fare, in maniera molto ravvicinata con un essere completamente realizzato in CGI, con il quale i loro movimenti si integrano alla perfezione.

Il film è stato presentato in anteprima mondiale all'ultimo SXSW, festival dell'innovazione e della tecnologia che si tiene ogni anno a Austin in Texas e uscirà in contemporanea mondiale il prossimo 24 marzo.

Alice Vivona

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In sala Life-Non oltrepassare il limite. Recensione

FrosinoneToday è in caricamento