In sala Trafficanti, con Miles Teller e Jonah Hill

Due amici poco più che ventenni, David (Miles Teller) e Efraim (Jonah Hill) si incontrano a Miami dopo alcuni anni di separazione. David combatte ogni giorno per campare, cerca l'occasione d'oro per diventare ricco ma sembra sempre sbagliare...

trafficanti-recensione-v2-30795-1280x16

Due amici poco più che ventenni, David (Miles Teller) e Efraim (Jonah Hill) si incontrano a Miami dopo alcuni anni di separazione. David combatte ogni giorno per campare, cerca l'occasione d'oro per diventare ricco ma sembra sempre sbagliare, mentre Efraim è riuscito ad affermarsi vendendo armi. David è un pacifista, ma metterà da parte le sue resistenze alla richiesta di Efraim di lavorare con lui quando scoprirà che la sua compagna è incinta, e che il suo stipendio da massaggiatore non può assicurare alla sua famiglia una vita dignitosa.

Oltre alla sicurezza economica però, il nuovo lavoro metterà in crisi altri principi di David, con i quali si troverà a fare i conti.

Basato su di una storia vera, e descritto in un articolo di Rolling Stone, Trafficanti rappresenta il sunto della filosofia americana: ogni occasione va presa al volo. Efraim e David, due giovani con pochi scrupoli e molte idee mettono in piedi una start-up del commercio delle armi pensando, in maniera del tutto ingenua, che tutto sia lecito e che non ci siano conseguenze.

Ne derivano diverse avventure in cui i due si ritrovano coinvolti e che li portano in Iraq, in Giordania e in Albania alla ricerca di armi a buon mercato da rivendere all'esercito americano per portare avanti le guerre in Medio Oriente.

David è timoroso ma convinto di stare facendo qualcosa di utile per un ideale più grande, non la patria ma la famiglia, la sua; Efraim invece è spinto da puro istinto commerciale, non vede persone, ma solo fonti di denaro o ostacoli che gli impediscono di diventare sempre più ricco.

A chiudere il triangolo è il personaggio di Bradley Cooper, con sguardo vitreo e arrossato, che non sembra provare più emozioni, che incontra i due a Las Vegas, in una situazione ben diversa dalla saga di Una notte da leoni di cui è protagonista e di cui Todd Phillips è regista come per questo film.

Gli elementi comici ci sono, Jonah Hill è un ottimo laido e comico ragazzo arrivista, e le scene secondarie sono spesso quelle meglio riuscite: un inseguimento nel deserto tra l'Iraq e la Giordania è un mix di Una notte da leoni e Black hawk down.

La colonna sonora è curata da Cliff Martinez, compositore fedele di Nicolas Winding Refn, che porta le sue atmosfere anche in questo film.

Insomma, sulla falsa riga dello stile ironico de La grande scommessa, ma leggermente più comprensibile anche a chi non si occupa di economia, Trafficanti mette in scena un buddy movie d'azione che fa pensare seriamente al mercato che c'è dietro a una guerra.

Il film è in sala dal 15 settembre.

Alice Vivona

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Anagni, dopo l'assurda morte della piccola Asia ora si prega per la sorellina

  • Coronavirus, novantasei infermieri marcano visita e la direzione avvia controlli a raffica

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento