L'Ariosto “spaziale” di Roby Guerra -In Fiori della Scienza XXX, la silloge del 1988

Celebrazioni dell'Ariosto in corso a Ferrara (500° dall'Orlando Furioso) con iniziative anche cosiddette di attualizzazione contemporanea: ad esempio la versione "genderistica" e migrante proposta dai vari Bianchi, Quarzi e Pedrini, il poeta visto...

Celebrazioni dell'Ariosto in corso a Ferrara (500° dall'Orlando Furioso) con iniziative anche cosiddette di attualizzazione contemporanea: ad esempio la versione "genderistica" e migrante proposta dai vari Bianchi, Quarzi e Pedrini, il poeta visto come precursore e difensore della diversità.

Più in chiave futuristica e 2.0, il futurista ferrarese ha recentemente riproposto nel suo antologico eBook poetico, "Fiori della Scienza XXX -1985-2015- (La Carmelina, 2015), la stessa silloge del 1988 "L'Ariosto sulla Luna", (Liberty House di L. Scardino), focalizzando l'Ariosto più fantascientifico ante litteram del canto cosiddetto lunare, l'eroe Astolfo alla ricerca con l'Ippogrifo sulla Luna del senno perduto dai "suoi" contemporanei all'epoca. Silloge ispirata a Guerra anche da "Una lezione futurista dall'Orlando Furioso", poca nota ma puntuale conferenza dello stesso Marinetti sulla Mura degli Angeli (luglio 1929) a Ferrara per IV centenario della scomparsa del Poeta (1933) (riprodotta poi ne "L'Ottava d'Oro, Mondadori, 1933), tra i pochisssimi passaggi a Ferrara del fondatore del futurismo. Silloge di Guerra che a fine anni '80, lo stesso compianto Antonio Caggiano, definì "Poesia cosmica e scatenata" (sul Resto del Carlino); Guerra per il suo "Ariosto" futurista" fu anche ripreso da F. Vendemmiati in uno special televisivo globale su Ferrara di quegli anni "L'Ariosto è realmente volato nudo sulla Luna" (da un verso dello scrittore nella silloge in questione). Più nello specifico, nonostante ormai quasi 30 anni dalla versione originale, l'Ariosto sulla Luna suona ancora futuristicamente e coerentemente anticipatorio, con sguardi meno presentistici e prevedibili, ancora schiettamente futuribile, con scansioni anche poetroniche per così dire sullo stesso meme amoroso tra Angelica e Orlando e, più in generale, verso quel rinascimento 2.0 spesso attraversato dal futurista ferrarese, in diverse produzioni,con lo stesso Ariosto come icona/archetipo in progress e transtemporale (ad esempio nel saggio futuribile del 1991 "Il futuro del villaggio. Ferrara città d'arte del 2000" (Liberty House) o in "Renaissance 2000", racconti fantascientifici editi in francese dalla rivista parigina"La Revolte des Chutes".

*Dalla silloge, ecco un testo:

L'ARIOSTO SULLA LUNA BATTEZZA IL SESSO DELLA LUNA/ LA NASCITA NUOVA/ DOVE IL TEMPOSPAZIO FINGE DI MORIRE/ROBOT POETI ESPLORANO L'AFFRESCO DEL 2000 /IPPOGRIFO AZZURRO ADDORMENTATO NELL'UNIVERSO/ SOGNI DEL 1000 IN VOLO VERSO IL MILLENNIO NUMERO 3/E IL CANTO DI ASTOLFO SVELA/ L'AURORA DELLE STELLE/L'ACQUA ROSA E LUNARE DI ANGELICA/DALLA PAROLA E LA SORGENTE DEI CORPI/VOLA ORLANDO NELLA PRIMAVERA SOLARE DEI CUORI/L'ARTE DELLA SCIENZA SEDUCE/DEMONI E ANGELI/ SEMPRE NEL PROFUMO DELLA VERITÀ/ E LA FOLLIA/OGGI SO SALUTARE LA TERRA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidenti stradali, choc e dolore per la morte della piccola Asia

  • Coronavirus, il Lazio resta zona 'gialla' ma Zingaretti emette nuova ordinanza

  • Scuola, mascherine inadatte: mamma ciociara scrive e la Ministra Azzolina risponde (foto)

  • Omicidio Gabriel, ergastolo al papà Nicola Feroleto

  • Coronavirus, oggi si deciderà se la Ciociaria e il resto del Lazio entreranno in zona arancione o meno

  • Cassino, bruciano le auto di un imprenditore: l'incendio è doloso

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento