Messi, un documentario di Alex de la Iglesia disponibile online

Il documentario realizzato dal regista spagnolo e presentato all’ultima Mostra del cinema di Venezia, è disponibile online sulle piattaforme di Google Play, iTunes, Sony e Chili. Un raro esempio di prodotto straight-to-online, che punta a...

M 8

Il documentario realizzato dal regista spagnolo e presentato all’ultima Mostra del cinema di Venezia, è disponibile online sulle piattaforme di Google Play, iTunes, Sony e Chili. Un raro esempio di prodotto straight-to-online, che punta a conquistare in questo modo piu’ facilmente il suo bacino di pubblico.

Il documentario segue e ricostruisce la vita del campione di calcio, che ha recentemente vinto il quinto Pallone d’oro, dalla sua infanzia nel quartiere popolare di Rosario fino al Barcellona, squadra che lo ha portato alla fama e che grazie a lui ha conquistato molte vittorie.

Alex de La Iglesia è solitamente un regista barocco. Per chi, piu’ che Messi, di cui ammira le grandi capacità sportive, ama il cinema, vedere questo regista, lo stesso de La comunidad, La ballata dell’odio e dell’amore, Crimen Perfecto, affrontare un documentario biografico è una grande curiosità.

Il regista racconta che quando gli fu proposto il progetto, lo accettò perchè era un argomento lontanissimo da lui.

Per avvicinarsi al racconto della vita del talento argentino, De la Iglesia usa uno stratagemma drammaturgicamente molto valido: mette da parte le interviste realizzate in maniera classica, come di solito avviene nei documentari e realizza due cene: una a Buenos Aires, Argentina, la seconda a Barcellona. Gli invitati sono gli amici, le maestre e i primi compagni di squadra da un lato, alcuni allenatori e dirigenti del Barcellona dall’altro.

Vengono ripercorse varie fasi della vita di Messi e soprattutto la lotta contro la carenza dell’ormone della crescita, che, se non fosse stata trattata gli avrebbe precluso la carriera.

Il doppio racconto restituisce la doppia vita di Messi, divisa tra il vecchio e il nuovo continente, che si può condensare in una frase detta da uno dei suoi attuali compagni di squadra: “Leo quando gioca è a Barcellona, ma non appena la giornata finisce, riprende l’aereo e ritorna a Rosario”, questo a significare che il legame con le origini non è mai dimenticato.

Il film è disponibile per l’acquisto sulle piattaforme online di Google, Sony, iTunes e Chili.

Alice Vivona

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Frosinone "quando nevicherà?" Cosa dicono le previsioni meteo

  • Giovane infermiera muore nel sonno, familiari e colleghi sotto choc

  • Coronavirus, la Ciociaria ed il Lazio in zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Neve in Ciociaria, a Frosinone ed altri comuni chiuse le scuole lunedì 18

  • Tanta acqua e poco carburante nelle cisterne: denunciato titolare di un distributore (video)

  • Coronavirus in Ciociaria: il bollettino di giovedì 14 gennaio. Lazio ormai avviato alla zona arancione

Torna su
FrosinoneToday è in caricamento