Montelanico, grande successo di pubblico per la 54^ Sagra delle Castagne

Si è chiusa con un crescendo di successo e partecipazione la  54^ Sagra della Castagna a Montelanico, dove, nonostante le difficoltà del raccolto, l’amministrazione comunale guidata dal

montelanico-54-sagra-della-castagna-1

Si è chiusa con un crescendo di successo e partecipazione la 54^ Sagra della Castagna a Montelanico, dove, nonostante le difficoltà del raccolto, l’amministrazione comunale guidata dal

dott. Raffaele Allocca ha messo a disposizione delle migliaia e migliaia di visitatori oltre 2,5 quintali di castagne distribuite gratuitamente a quanti si accostavano sotto la bellissima fontana del Biondi.

Ma quello che più è balzato agli occhi in questa tre giorni di kermesse castagnicola è che la gente non cerca più i grandi cantanti del passato, ma gruppi con i quali divertirsi in piazza con balli in allegria tutti insieme.

La 54^ Sagra della Castagna di Montelanico si è caratterizzata per il premio di pittura “Il Riccio D’Oro” che quest’anno è stato assegnato da una qualificata Giuria, composta di esperti del settore come il prof. Stirati di Colleferro. Il primo premio è andato al pittore Nicola Badia di Capua che ha realizzato un bellissimo quadro mettendo la cittadina dentro una conchiglia tanto da far motivare: “Opera di ottima fattura molto attinente al tema della Sagra”. Al posto d’onore Maurizio del Vescovo di Passo Corese ( Rieti), al 3 Posto: Antonio Altieri di Caserta e al quarto posto Enrico Selvadei. Gara che ha visto la partecipazione di una quindicina di partecipanti anche da fuori provincia che hanno portato la loro arte che ha creato tanti commenti positivi tra i visitatori ma soprattutto tante emozioni, anche agli stessi partecipanti.

Nella sala mostra è stata allestita anche un’esposizione di bellissime coperte ricamate dalle donne del posto, segno questo di una vitalità artigianale notevole in città e molto interessante è stata anche “la mostra di castagne, marroni e dolci” a cura dell’Ente Sagra della castagna.

Ha attirato l’attenzione anche la bella mostra di fotografie “Poesie sul sentiero di Fiori” e “Come eravamo” presentate dalla Pro Loco. Belle le foto e per la mostra si sono tirati fuori tutti gli arnesi di lavoro e di casa di una volta. Infine, nella tre giorni di kermesse della castagna i ritmi popolari sono stati scanditi il venerdì dal gruppo locale dei Parquaria Gruppo Folk, sabato da Riturné e Brigallé. Domenica si è cominciato dal mattino con l’apertura di una sfilata di auto d’epoca a cura dell’associazione Clavs mentre a seguire c'è stato lo spettacola degli Sbandieratori storici di Cori e nel pomeriggio con i Calaballà. Si è proseguito poi con i Ritmi Popolari e infine gli E.R.R.E 6 di Cave che hanno intrattenuto la gente fino a tarda sera tra stand enogastronomici e castagne offerte dall’amministrazione comunale, dal comitato dei festeggiamenti che insieme all’Ente Sagra della castagna hanno organizzato questa 54^ sagra. Quindi una tradizione che si è rinnovata e che anche grazie alla bella giornata ottobrina ha richiamato migliaia e migliaia di persone da tutto il comprensorio.

IL SINDACO RAFFAELE ALLOCCA HA RINGRAZIATO TUTTI DAL PALCO

Il Sindaco Raffaelle Allocca, che per la prima volta dalla sua elezione si è dovuto cimentare anche con questa bella realtà, si è detto: “molto soddisfatto di come sono andate le cose, perché tutto è filato liscio, anche se le castagne purtroppo a causa del cinipide sono state veramente poche, anzi pochissime. Prometto che con la nostra amministrazione avremo ancor più attenzione per i coltivatori di castagne, che stanno vivendo un momento particolare. Ringrazio tutti, sia gli sponsor che hanno aderito alla manifestazione, i tanti volontari che si sono impegnati a tutti i livelli per l’ottima riuscita della manifestazione. Un dato significativo è che sono state vendute 1500 cartelle che hanno tenuto inchiodata la gente per l’estrazione. Questo sta a significare la grande partecipazione e quindi dobbiamo ringraziare anche quanti hanno partecipato per aver portato il loco contributo. Le moltissime castagne distribuite dimostrano, inoltre, come la gente sia legata alla nostra tradizione - aggiunge il sindaco Allocca - e di questo ne dobbiamo andare fieri, anche se c’è ancora molto da fare. Ma è nostra intenzione rigenerare il nostro bellissimo borgo che ha bisogno di una vitalità maggiore per essere più alla portata dei visitatori, perché il paese ha bisogno di turismo. Il futuro per noi sono: turismo e cultura e guardiamo con favore alla crescita della nostra città in questo senso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giancarlo Flavi (foto e servizio)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Jonathan Galindo fa paura anche a Frosinone: denuncia di un padre a “Le Iene”

  • Da Colleferro alla serie tv "Doc - nelle tue mani", la storia di Massimo Ciccotti

  • Coronavirus, Frosinone è la provincia più contagiata del Lazio

  • Coronavirus, aggiornato l’elenco delle strutture ciociare che effettuano il ‘tampone rapido’ a 22 euro

  • Giovane militare ciociaro muore nel sonno, choc in caserma

  • Alatri, Giuseppe Mazza muore in un letto di ospedale. Era rimasto ferito in un incidente con la sua moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FrosinoneToday è in caricamento