menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Olevano, Bjarke Regn Svendsen - Steffen Tast - Hjördis Haack - Laila Westergaard  artisti danesi partono dall’ispirazione  della città  per Europa

Venerdì 26 Settembre alle ore 17,30 al Museo per salutare gli Amici danesi del Progetto "Olevano-Danimarca 2014-2016" e ringraziare gli Artisti e Collezionisti che recentemente hanno donato opere alla "Collezione AMO-onlus" che saranno esposte per...

Venerdì 26 Settembre alle ore 17,30 al Museo per salutare gli Amici danesi del Progetto "Olevano-Danimarca 2014-2016" e ringraziare gli Artisti e Collezionisti che recentemente hanno donato opere alla "Collezione AMO-onlus" che saranno esposte per l'occasione. Seguirà una degustazione del "Vino Cesanese di Olevano" e dei prodotti tipici locali.

L'Associazione Amici del Museo di Olevano Romano (AMO-onlus) gestore in convenzione del Museo Centro Studi sulla Pittura Europea di Paesaggio del Lazio, con la presente illustra un'attività in programma, con inizio a Settembre 2014, tendente a rafforzare il già vivo rapporto culturale tra l'Italia e la Danimarca, così brillantemente attivato negli anni passati con le importanti iniziative culturali promosse in Olevano e in Danimarca dalla nostra Associazione.

Nello specifico, nel mese di Settembre daremo inizio ad un progetto di rilevante interesse culturale e promozionale locale che ci vedrà impegnati nelle fasi progettuali di seguito delineate e che si svilupperanno in tre passaggi principali nel 2014, 2015 e 2016.

Il progetto è coordinato da Serafino Mampieri, presidente dell'AMO -onlus e del Comitato Scentifico del Museo, da Jytte W. Keldborg e Andrea De Giusti, entrambi membri del consiglio direttivo dell' AMO, e dall'artista partecipante Bjarke Regn Svendsen. L'articolazione in tre fasi è così riassunta:

a) Soggiorno in Italia e realizzazione delle opere ispirate ad Olevano e d'intorni, 2014,

b) Esposizione nel Museo Civico Centro Studi di Olevano, 2015,

c) Esposizione in Danimarca nell'Istituto Italiano di Cultura a Copenaghen, 2016.

La storia:

Questo progetto ripercorre e dona nuovo vigore alla tradizione che ha visto, fin dall'inizio del XIX Secolo, l'afflusso costante di Artisti Danesi, i quali attratti dalla bellezza dei luoghi e dalla cordialità delle persone di Olevano percorrevano numerosi queste strade.

L' AMO - onlus nella sua continua ricerca ha dimostrato, per ora, che più di sessanta artisti danesi sono stati ad Olevano e nella zona circostante durante l'800 e che oltre trecento opere d'arte con vedute e soggetti della nostra zona si trovano nei più importanti Musei Danesi e nelle collezioni private.

Artisti come Ernst Meyer, Wilhelm Marstrand e P.C. Skovgaard sono stati molto prolifici ad Olevano, molti sono venuti da soli, altri con i colleghi danesi o in compagnia di artisti tedeschi, inglesi e scandinavi1 danesi sono stati il secondo gruppo numerico tra gli artisti europei attivi ad Olevano nell'800 e la loro presenza continua ininterrotta fino ad oggi. Dal 1824, non si è registrato un decennio senza la presenza di artisti danesi.

Impressionante è rilevare che questo flusso di artisti in visita non era supportato da fonti o iniziative esterne, bensì da una sorta di "tradizione vivente" fatta di contatti personali e passaparola tra un artista e l'altro, nonché dalla numerosa presenza di opere d'arte con temi di Olevano e territori nei dintorni che confluiva nei musei e nelle collezioni d'arte danesi.

L'arrivo di artisti danesi è stato rinvigorito in particolare da: - William Zoega, egli stesso artista, innamorato di Olevano fin dalla sua prima visita nel 1937, acquistò una casa nella città medievale negli anni sessanta, ospitando colleghi ed altri visitatori ad Olevano fino alla sua morte nel 1989.

- Lone Ahrentzen e Hans Overgard, proprietari di una parte della casa Zoega dal 1991, ora chiamata Casa Danese, i quali continuano ad accogliere molti artisti.

- Jytte Keldborg, dal 2001 proprietaria di una casa nella parte medievale di Olevano e dal 2007

Consigliere dell'AMO, ha ospitato molti artisti nei campi delle arti visive e della musica.

Oltre ad aver incessantemente lavorato alla pubblicazione di articoli, libri, studi e ricerche nonché

partecipato ed organizzato in Danimarca e in Italia conferenze e giornate dedicate alla memoria del

passaggio degli Artisti Danesi ad Olevano Romano.

Dal 2000 circa venti case sono state acquistate e restaurate dai danesi ad Olevano, e in molte di queste case gli artisti sono ricevuti con quell'ospitalità con cui gli olevanesi hanno per secoli accolto gli artisti stranieri.

L'articolazione delle fasi progettuali:

La prima fase del progetto si svolgerà a settembre 2014: quattro artisti danesi di fama, Bjarke Regn Svendsen (artista visivo) - Steffen Tast (installazioni) - Hjördis Haack (artista visivo) - Laila Westergaard (scultrice), soggiorneranno ad Olevano dal 18 al 28 settembre come ospiti dell'AMO-onlus, con loscopo di essere ispirati e raccogliere schizzi, fotografie, impressioni ecc.. Durante l'anno seguente produrranno opere basate sull'ispirazione ricevuta dal loro incontro con Olevano.

Questa prima fase include anche dei tour nei luoghi della zona che sono stati principalmente fonte di ispirazione per gli artisti danesi dell'800 (Civitella, Subiaco).

La seconda fase prevede l'allestimento e la realizzazione della grande Mostra del settembre 2015 nel Museo di Olevano : "Olevano e Danimarca nel 2015 ".

I Curatori selezionati: Francesca Tuscano e Bjarke Regn Svendsen.

1 Si veda a riguardo le pubblicazioni edite dall'AMO-onlus a cura di J.W. KELDBORG, Gli artisti danesi ad Olevano Romano e dintorni dall'"Età dell'Oro" fin dentro il XXI secolo e Artisti danesi in Olevano negli ultimi 50 anni.

Questa seconda fase include i preparativi generali, la possibilità per gli artisti di tornare durante il periodo di realizzazione delle loro opere, la pubblicazione del catalogo (bilingue italiano/inglese), il trasporto delle opere d'arte, l'allestimento, il vernissage, le pubbliche relazioni attraverso inviti alle Autorità tra cui l'Ambasciatore Danese, il Presidente e l'Assessore della Cultura della Regione Lazio, la permanenza dell'esposizione per almeno due mesi ed infine la chiusura e il trasporto delle opere in Danimarca.

La terza fase nel settembre 2016 include la preparazione, l'allestimento e l'esposizione delle opere d'arte in Danimarca, nel loro complesso o una selezione delle opere esposte ad Olevano.

L'AMO-onlus e il Museo di Olevano saranno partecipi anche di questa fase del processo, sia per l'organizzazione che per l'esposizione in Danimarca, promuovendo il ruolo del Lazio e di Olevano Romano nell'arte europea dal tardo XVIII secolo ai nostri giorni, nonché la promozione delle eccellenze riconosciute del nostro territorio, quali sono il vino "Cesanese di Olevano" ed i decantati cibi tradizionali locali, anto apprezzati dagli ospiti danesi.

In questi giorni abbiamo ricevuto la risposta ufficiale con la piena adesione e i complimenti per l'importante iniziativa dal Dr. Fabio Ruggirello, Addetto Culturale dell'Ambasciata d'Italia in Danimarca che, oltre alla collaborazione, ci ha garantito per l'esposizione della Mostra e degli eventi connessi la disponibilità dei locali dell'istituto Italiano di Cultura di Copenaghen.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il mistero del lago di Canterno o "lago fantasma"

  • Eventi

    Ciaspolando a Punta della Valle

  • Eventi

    Un Brindisi al 2021 da Pizzo Deta

Torna su

Canali

FrosinoneToday è in caricamento