Cultura

Palestrina, Concorso scuole prenestine “Perche' parlare ogni anno della Shoah” .L'istituto comprensivo “Pierluigi” si aggiudica cinque premi

Martedì 3 febbraio, presso la sala riunioni dell'Hotel Cremona di Genazzano, si è svolta la cerimonia di premiazione della seconda edizione del Concorso “Perché parlare ogni anno di Shoah”, indetta dal prof. Franco Borgioni, docente di lettere...

Martedì 3 febbraio, presso la sala riunioni dell'Hotel Cremona di Genazzano, si è svolta la cerimonia di premiazione della seconda edizione del Concorso "Perché parlare ogni anno di Shoah", indetta dal prof. Franco Borgioni, docente di lettere dell'I.T.I.S. "G. Boole" di Genazzano, il quale da anni propone progetti legati al tema della memoria ai ragazzi delle scuole secondarie di primo grado dell'area dei Monti Prenestini.

Questa seconda edizione è stata dedicata alla figura di Anna Frank e alla sua triste storia. Molteplici i lavori pervenuti alla commissione esaminatrice sotto forma di elaborati, opere grafiche e video. Quest'anno l'evento ha potuto usufruire del finanziamento della Regione Lazio per i Settant'anni dalla fine della seconda guerra mondiale (1944-45>2014-15) finanziamento ottenuto dai Comuni di Genazzano, Olevano Romano e Bellegra a seguito della presentazione del progetto "Vivere La Memoria". Più di sessanta sono stati i libri acquistati e donati ai ragazzi vincitori del Concorso, trecento i quaderni distribuiti tra tutti i partecipanti alla manifestazione, molti i manifesti e le locandine per ogni scuola.

All'evento conclusivo di martedì ha partecipato, come ospite d'onore, la Sig.ra Lorella Ascoli, figlia di Michele Ascoli, deportato in Germania dopo la retata avvenuta nel quartiere romano del Quadraro il 17 aprile del 1944. La sig.ra Ascoli, collaboratrice del Museo Ebraico e del CDEC di Roma, durante il suo intervento ha emozionato la platea, raccontando la storia della sua famiglia e in particolare quella del padre, il quale, nonostante fosse ebreo, per una serie di circostanze casuali o fortuite, non finì nei campi di sterminio. Alla toccante testimonianza ha fatto seguito la premiazione dei lavori dei ragazzi delle classi terze delle scuole che hanno aderito al concorso e che da diversi anni collaborano con il progetto "MEMORIE" dell'I.T.I.S. "G. BOOLE" di Genazzano. A tale proposito vogliamo ricordare le precedenti iniziative realizzate dal prof. Franco Borgioni tra cui gli spettacoli teatrali: "Il Diario di Anna Frank" e "Roma-Auschwitz andata e ritorno", dell'associazione culturale teatrale "Il Palcoscenico" di Roberto Bencivenga, la mostra fotografica: "Auschwitz ieri e oggi", realizzata dallo stesso insegnante, dopo essere stato con la Provincia di Roma ad Auschwitz nel 2009, l'incontro con Luciana Tedesco, testimone delle leggi razziali del 1938 e autrice tra l'altro del libro "Ragazzi nella Shoah", e molte altre iniziative di preparazione e approfondimento sui temi legati alla Memoria. Quest'anno sono state quattro le scuole partecipanti: l'I.C di San Vito con due classi, l'I.C. di Genazzano con due classi; l'I.C. di Cave con quattro classi e l'I.C. "Pierluigi" di Palestrina con quattro classi.

Commosso e soddisfatto, il prof. Franco Borgioni, prima della proclamazione dei vincitori, ha detto: "Mai come quest'anno abbiamo avuto difficoltà nella scelta dei lavori migliori, tutti di grande impegno e valore. Ne sono pervenuti tantissimi, ciò mi rende felice. Affrontare un argomento come la Shoah e trasmetterne la memoria ai giovani è sempre molto difficile come pure è difficile trovare gli strumenti più idonei al raggiungimento dello scopo. Mi occupo del tema della memoria ormai da parecchi anni, ma ogni anno vivo un'emozione sempre nuova ed intensa che provo a condividere con i ragazzi, facendo attenzione a non far diventare il 27 gennaio un rito, una celebrazione, ma un momento di riflessione e soprattutto di conoscenza che duri nel tempo: non ci può essere vera memoria senza la storia. Vorrei, infine, ringraziare le scuole che hanno aderito all'iniziativa, i colleghi e tutti gli alunni delle classi terze. Un ringraziamento particolare va alla Regione Lazio, al Comune di Genazzano, alla sig.ra Lorella Ascoli e all'ITIS "G.Boole"di Genazzano."

Durante la premiazione, per ogni lavoro menzionato come vincitore, è stata data una motivazione. I ragazzi hanno ascoltato interessati e hanno applaudito tutti i lavori in un'atmosfera di autentico reciproco rispetto.

Alla fine i complimenti sono arrivati anche dalla sig.ra Ascoli che ha ringraziato docenti e alunni per la bellissima mattinata trascorsa.

Ecco tutti i vincitori del Concorso:

PREMIAZIONE VIDEO:

1° posto al video della 3B I.C. "Pierluigi" Palestrina ex equo con 3A I.C. San Vito (E. De Paolis e T. Rossi);

2° posto 3B I.C. Genazzano (G. Stecca e A. Rossi) ex equo con 3B I.C. San Vito ( E. Angelocola, E. Carrarini. S. Paolacci e E. Ronci);

3° posto 3B I.C. Genazzano ( A. Morelli, F. Silvestri, M Andreani e E. Bracchetti) ex equo con

3A "Pierluigi" Palestrina (G. Facchini, L.Fornari e a. Baldari)

PREMIAZIONE ELABORATI INDIVIDUALI:

1° posto a G. Lucarelli della 3F di Cave; 2° posto a G. Ciobanu della 3B di Genazzano ex equo con D. Walenaziuk della 3F di Cave; 3° posto a C. Polisini della 3F di Cave.

PREMIAZIONE OPERE GRAFICHE COLLETTIVE:

1° posto al cartellone di (M.Sbardella, M. Turianelli, S. Granata e S. Proietti Baroni) della 3A della "Pierluigi" Palestrina;

2° posto al cartellone delle alunne A. Giovannetti, G. Orzille e M. D'Attilia di Genazzano

3° posto al Diario delle alunne (G. Rosicarelli, A. Campilani e A. Raffaelli) della Pierluigi "Palestrina" ex equo con il Diario delle alunne (I.Gramiccia, S.Sebastianelli, E. Iacovatti, F. Paolacci, S. Maggi e V. Santandrea) classe 3A Cave.

PREMIAZIONE OPERE GRAFICHE INDIVIDUALI:

1° posto all'alunna N. Sallusti della 3A di San Vito

PREMIAZIONE ELABORATI COLLETTIVI:

3B I.C. di San Vito ex equo con 3F e 3C della "Pierluigi" Palestrina e (G. Ciobanu, N.Pallocca e C. Renzi) della 3B di Genazzano;

Ivana Rega

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palestrina, Concorso scuole prenestine “Perche' parlare ogni anno della Shoah” .L'istituto comprensivo “Pierluigi” si aggiudica cinque premi

FrosinoneToday è in caricamento